Palazzo di via Atenea scarica le fogne per strada, arriva la diffida

Il condominio era stato già ammonito a luglio, ma non avrebbe riparato la perdita che provoca un serio problema di igiene pubblica nella sottostante via Boccerie

Un flusso di liquami ha invaso, da diversi mesi, un tratto della via Boccerie, ma il refluo giunge dalla sovrastante via Atenea. Ad accertarlo sono stati gli uffici del Comune di Agrigento, i quali, verificata l'origine del problema - una colonna di scarico rotta - hanno provveduto a disporre, nei confronti del condomio, che lo stesso riparasse tutto e bonificasse le aree contaminate. Un ordine impartito nel luglio scorso, senza risultato alcuno. 

Degrado in via Vallicaldi, Palermo chiede la bonifica dei luoghi

Quindi il Comune è tornato alla carica, verificando, con l'uso di fluoresceina sodica che la causa della dispersione dei liquami continuava ad essere il medesimo condominio. Così, "rilevato che il permanere dell'attuale stato di cose costituisce pericolo e minaccia per la salute e l'igiene pubblica", è stato firmata una ordinanza sindacale con cui si intima, entro 5 giorni, la riparazione e la pulizia delle zone inquinate. "In caso di inottemperanza - continua il Comune - si provvederà a comunicare all'autorità giudiziaria, l'accertata inadempienza per violazione dell'articolo 650 del codice penale, quello cioè che punisce l'inosservanza delle prescrizioni da parte dell'autorità pubblica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, traffico di droga e politica: scatta l'operazione "Oro bianco": 12 arresti, ecco i nomi

  • Fiumi di droga, estorsioni, minacce e il "braccetto" con la politica: ecco i dettagli dell'operazione "Oro bianco"

  • Scontro fra due auto nella zona industriale, muore impiegata 62enne

  • Rimorchio si sgancia da tir e travolge auto: due feriti, uno in gravi condizioni

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore (+79 in provincia): la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento