menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Scarichi nel mare di San Leone, M5S: "Allarmante il silenzio del sindaco"

Le consigliere comunali Marcella Carlisi e Rita Monella sollecitano il primo cittadino a intervenire sulla vicenda: "Il Comune si costituisca parte civile al processo"

“Sembra che la magistratura abbia emesso alcuni avvisi di conclusione delle indagini per reati che vanno dal falso alla truffa, dalla frode all’inquinamento ambientale del mare di San Leone. Il popolo agrigentino si è molto spesso lamentato della cattiva gestione del sistema idrico e sembrerebbe che il grido di dolore sia finalmente giunto alla magistratura che sta adottando contromisure per accertare la verità". Lo rendono noto le consigliere comunali del Movimento 5 Stelle Marcella Carlisi e Rita Monella.

"Quella che manca è la voce del sindaco - proseguono le esponenti del M5S - . Il silenzio più assoluto su una vicenda che da anni i cittadini lamentano. La magistratura ha disposto il sequestro del depuratore del Villaggio Mosè ma il sindaco, responsabile della salute dei cittadini e delle Protezione civile, sembra non abbia denunciato il gestore idrico per attentato alla salute pubblica, né per disastro ambientale, visto che i liquami si riversano in mare più sporchi di quando sono entrati nel depuratore. Non ha nemmeno intimato al gestore di non far pagare la depurazione, visto che depurazione non c’è".

"Le ordinanze sanciscono il danno per i cittadini - si legge in una nota - ; come quando è stata distribuita acqua inquinata nelle vie Guinizelli o Boris Giuliano e il sindaco ha emesso, giustamente, le ordinanze per proibirne l’uso umano, ma non chiede al gestore di non effettuare bollettazione o, quantomeno, di detrarre dalla bolletta la quantità di liquido inquinato riversato nelle vasche.  Già, perché sembra che il sindaco non sappia che i cittadini di Agrigento usano le vasche di accumulo per potersi approvvigionare di acqua per cui, se viene introdotta acqua inquinata, occorrerà pulire la vasca: il tutto, chiaramente, a spese dell’utente e non già di chi ha sporcato, cioè del gestore idrico".

"Ci chiediamo, inoltre, - proseguono Carlisi e Monella - se le ordinanze abbiano raggiunto tutti i cittadini interessati dato il pericolo per la loro salute. Il sindaco continua a stare in silenzio. Ma non dovrebbe costituirsi parte civile per difendere gli interessi della città, dei cittadini, degli utenti, dei turisti che fanno il bagno inconsapevoli in mezzo al liquame, e il decoro di questa città a 'vocazione turistica'?".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento