menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La conseguenza degli scarichi abusivi

La conseguenza degli scarichi abusivi

Residui di frantoio nelle fognature a Realmonte, individuati i responsabili

I controlli avviati dopo le segnalazioni di MareAmico Agrigento. Nell'ultimo mese controllati e censiti tutti i frantoi della provincia di Agrigento

La polizia provinciale di Agrigento, a seguito di una segnalazione di "MareAmico Agrigento", ha individuato a Realmonte il frantoio che aveva versato nella fognatura i residui di lavorazione della molitura delle olive. L'operazione illecita aveva da un lato mandato in tilt il depuratore del paese, impossibilitato a smaltire il materiale, e dall'altro aveva inquinato il vallone acque dolci ed il relativo mare prospiciente.

GUARDA IL VIDEO ->

"In questo momento - spiega 'MareAmico Agrigento' - rileviamo una situazione altrettanto grave (se non peggiore) nel fiume Verdura dove incivili, nonostante i controlli, sversano l'acqua di vegetazione proveniente dall'attività continua dei moltissimi frantoi presenti nei territori di Ribera, Cattolica Eraclea, Burgio, Calamonaci e Caltabellotta, nel fiume Naro con le acque provenienti da Naro e Favara, ed infine nel fiume Akragas con le acque provenienti dai frantoi di Santa Elisabetta, Raffadali, Joppolo Giancaxio e Agrigento"

La polizia provinciale nell'ultimo mese, dopo le segnalazioni di MareAmico con foto aeree che documentavano gli sversamenti dello scorso anno, ha provveduto a censire e a controllare i 105 frantoi presenti in provincia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento