rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca Villaggio Peruzzo

"Scaricavano fogna nel fiume Akragas", scattano le ingiunzioni di pagamento

Trenta giorni di tempo per sborsare 6 mila euro a testa. In caso contrario, il Libero consorzio procederà all’esecuzione forzata

Nel 2014, la polizia locale di Agrigento – fra le vie Apollo e Teti - scoprì due casi di reflui fognari collegati ad una condotta di acque bianche che scaricava, senza alcuna autorizzazione, nel fiume Akragas. Adesso, sono state firmate le ingiunzioni di pagamento da 6 mila euro a testa. Dopo la scoperta dello scarico abusivo, ai proprietari delle residenze venne chiesto di far arrivare alla Provincia regionale di Agrigento scritti difensivi o documenti. Adesso, negli ultimi giorni, è stato preso contezza del fatto che non sono arrivati scritti difensivi, né è stata avanzata richiesta di audizione per chiarire la contestazione.

Il Libero consorzio comunale di Agrigento, a questo punto, sulla base della contestazione che venne fatta all’epoca dalla polizia municipale, ha firmato due diverse ingiunzioni di pagamento per le relative sanzioni amministrative da 6 mila euro testa. Somma che, questa volta, dovrà essere pagata – l’ingiunzione di pagamento prevede anche un termine temporale – entro 30 giorni dalla notifica. Le ricevute di pagamento – vanno aggiunti anche 12,91 euro per le spese di notifica delle ingiunzioni - dovranno essere trasmesse al settore Territorio e Ambiente dell’ex Provincia regionale. In caso contrario, il Libero consorzio procederà all’esecuzione forzata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Scaricavano fogna nel fiume Akragas", scattano le ingiunzioni di pagamento

AgrigentoNotizie è in caricamento