menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Licata, in libertà ex Lsu che aggredì il sindaco Cambiano: imposto divieto di avvicinamento

Il giudice ha rinviato il processo, convalidando l'arresto e disponendone la scarcerazione. Ha però imposto all'uomo il divieto di avvicinarsi al municipio e all'abitazione del sindaco che, a seguito dell'aggressione, ha riportato una frattura al naso

E' tornato in libertà Alessandro Incorvaia, il 40enne pescivendolo che nella tarda mattinata dello scorso 24 febbraio ha colpito con una testata al volto il sindaco di Licata, Angelo Cambiano.

Il giudice ha rinviato il processo, convalidando l'arresto di Incorvaia, e disponendone la scarcerazione. Ha però imposto all'uomo il divieto di avvicinarsi al municipio e all'abitazione del sindaco che, a seguito dell'aggressione, ha riportato una frattura al naso.

Incorvaia avrebbe colpito Cambiano perché da tempo chiedeva, senza ottenerlo, un contributo economico indispensabile per il suo sostentamento. Sull'accaduto era intervenuto anche il sindaco di Palma di Montechiaro, Pasquale Amato, invitando a fare un serio distinguo tra chi ha davvero "bisogno" e chi invece si arroga il diritto di violare le leggi pretendendo sussidi anche quando non "meritati".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento