menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fausto Giacchetto

Fausto Giacchetto

Formazione, scandalo Ciapi: condannati Giacchetto e Riggio

Cinque anni e 8 mesi sono stati inflitti all'ex presidente dell'ente, Francesco Riggio. Il manager della pubblicità, Fausto Giacchetto, dovrà scontare 8 anni e un mese

Quattro condanne e due assoluzioni. Si è concluso così il processo "Ciapi", nato da un'inchiesta sull'ente di formazione della Regione Siciliana che avrebbe intascato illecitamente finanziamenti dall'Unione Europea per progetti mai realizzati. I giudici della quinta sezione del tribunale, presieduta da Piero Falcone, hanno condannato a 5 anni e 8 mesi l'ex presidente dell'ente Francesco Riggio (deputato regionale del Gruppo Misto); a 8 anni e un mese il manager della pubblicità Fausto Giacchetto, considerato la "mente" della truffa; a 4 anni la segretaria di Giacchetto Stefania Scaduto e a 3 e 6 mesi l'ex dirigente dell'Agenzia regionale per l'impiego Rino Lo Nigro. Assolti l'ex assessore regionale Luigi Gentile e la moglie di Giacchetto, Concetta Argento. Gli imputati rispondevano di associazione a delinquere, truffa aggravata, corruzione, falso e reati fiscali.

Secondo la ricostruzione dell'accusa, il Ciapi utilizzò 15 milioni del finanziamento dell'Ue per un progetto di formazione denominato "Coorap": oltre 5, di questi 15, dovevano essere destinati alle campagne di comunicazione. La cifra ora è stata addebitata in sentenza, con la confisca per equivalente, a Giacchetto, Riggio e la Scaduto. I tre avrebbero infatti incassato il denaro fingendo di utilizzarlo secondo gli scopi prestabiliti, quelli di attivare i meccanismi per avviare al lavoro oltre 1500 giovani siciliani. In realtà, per ottenere la piena disponibilità di quei soldi, facendo solo finta di spenderli, Giacchetto avrebbe corrotto manager regionali e in particolare il presidente del Ciapi, Riggio.  Era questo il "sistema Giacchetto", oggetto anche di un processo-stralcio, celebrato davanti a un'altra sezione del tribunale palermitano. A scoprirlo fu l'Olaf, l'Ufficio antifrodi della Commissione europea, chiamato a vigilare sul modo in cui vengono spesi i fondi Ue.

In virtù della condanna, Riggio viene sospeso dall'Ars per 18 mesi (sulla base della legge Severino ndr) . Al suo posto approda a Sala d'Ercole Pino Apprendi, che resterà deputato sino a fine legislatura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento