Scala dei Turchi, Legambiente: “Qual è l’utilità dell’accordo fra privati e Comune?"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

“Un accordo quanto meno curioso, un accordo fra pubblico e privato a totale vantaggio del secondo.  Infatti, per settant’anni tutti gli incassi dell’uso commerciale della Scala dei Turchi saranno divisi fra il Comune di Realmonte e il proprietario dei terreni in cui si trova la scogliera. Una bozza di accordo fra il Comune e la proprietà dei terreni,  che prevede che per 70 anni il 70 per cento dei profitti andrà al privato mentre il 30 per cento andrà al Comune. Ci chiediamo perché, qual è l’utilità di questo accordo e perché il Sindaco di Realmonte abbia deciso di svendere in questo modo la Scala dei Turchi che deve, invece, essere patrimonio di tutti”.

Dichiarazione di Gianfranco Zanna, presidente Legambiente Sicilia.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento