Rischi e pericoli sono stati rimossi: la Scala dei Turchi torna ad essere liberamente accessibile

Il comandante della Capitaneria di porto, il capitano di fregata Gennaro Fusco, ha revocato l'ordinanza che vietava la navigazione. Lo stesso sta facendo, per quanto riguarda l'apertura del passaggio in battigia, il sindaco di Realmonte

L'incubo è finito. I potenziali pericoli per la sicurezza della navigazione sono stati rimossi. Non ci saranno più interdizioni e la Scala dei Turchi torna ad essere accessibile liberamente. Ieri è stato fatto un sopralluogo tecnico per l’accesso lato spiaggia, laddove sono stati realizzati i lavori per stabilizzare e mettere in sicurezza il costone sovrastante. Una verifica che è servita a constatare la realizzazione delle idonee misure di sicurezza per mitigare il pericolo residuale di caduta detriti dalla parete rocciosa.

E' stato accertato che sono state fatte le opere preventivate: "piccoli muretti a secco realizzati con materiale idoneo proveniente dai disgaggi, al fine di realizzare piccole piazzole, mimetizzate nel contesto con funzione antierosiva e di dissipazione di energia cinetica di eventuali porzioni lapidee staccatesi dal costone marnoso. E’ stata altresì realizzata una barriere provvisionale in legno impiantata a tergo di un muretto in pietrame con funzione di contenimento di eventuali piccoli aggregati lapidei”. E’ stato attestato inoltre che eventuali rischi per la pubblica incolumità sono da considerarsi “minimi e residuali”.

Ecco, dunque, che il comandante della Capitaneria di porto: il capitano di fregata Gennaro Fusco ha revocato l'ordinanza che vietava la navigazione. E lo stesso sta facendo, per quanto riguarda l'apertura del passaggio in battigia, il sindaco di Realmonte. Verranno comunque sistemati dei cartelli illustrativi con l’indicazione dei percorso e delle zone interdette al transito e alla sosta di persone.   

Al sopralluogo erano presenti: il sindaco di Realmonte, Calogero Zicari, il comandante in seconda della Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Porto Empedocle: il capitano di fregata Daniele Governale; Maurizio Costa, dirigente del servizio regionale di Protezione civile; Carmelo Arcieri, direttore dei lavori e funzionario del servizio regionale di Protezione civile; il geologo Carmelo Collura della direzione dei lavori e i rappresentanti della ditta.




 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al celibato o convivenze di fatto con anziani: ecco come venivano "utilizzate" le prostitute

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • "Procacciavano i clienti e incassavano fino al 50% per ogni prestazione": i retroscena del blitz antiprostituzione

  • Furti di luce e acqua, scatta il blitz in due palazzine: 24 arresti in un colpo solo

  • "Favori e assunzioni in cambio di informazioni riservate": indagati tre marescialli e due imprenditori

  • Scoppia la lite fra due teenager: una ferita, l'altra denunciata

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento