rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca Realmonte

Scala dei Turchi, il sindaco Lillo Zicari: "Non c'era nessuna motocicletta"

Il capo dell'amministrazione di Realmonte smentisce l'associazione MareAmico. "Adesso, c'è una inversione di tendenza. Contrariamente agli anni passati, c'è il monitoraggio"

"Nessuna motocicletta sulla Scala dei Turchi. Non ne abbiamo sentito nemmeno il rumore". Lo dice il sindaco di Realmonte, Lillo Zicari, smentendo quanto divulgato dall'associazione ambientalista "MareAmico". "Ieri - spiega Zicari - non c'era solo il servizio civico, ma c'erano, di mattina, due volontari del servizio civico e quattro impiegati della Protezione civile e, nel pomeriggio, due del servizio civico e due della Protezione civile. Io stesso sono stato - chiarisce il sindaco di Realmonte - per l'intera giornata alla Scala dei Turchi, indossando la magliettina ed il cappellino con la scritta volontario. Alla Scala dei Turchi e fino alla discesa, dove c'è il chiosco, - continua Zicari - non è entrata nessuna motocicletta. Abbiamo una costa lunga centinaia e centinaia di metri e quindi con le motociclette potrebbero essere anche entrati altrove, ma non alla Scala dei Turchi. Ed abbiamo centinaia di testimoni. Tuteleremo l'immagine del Comune nelle sedi opportune".

LEGGI ANCHE: MareAmico: "Motori in spiaggia nonostante la vigilanza"    

Il monitoraggio e la vigilanza della Scala dei Turchi, servizio iniziato ieri, andrà avanti tutti i giorni con due volontari del servizio civico la mattina e due nelle ore pomeridiane. "Sia il sabato e la domenica - garantisce il sindaco di Realmonte - . Abbiamo, inoltre, fatto installare un bel cartello, in italiano ed in inglese, con tutto quello che alla Scala dei Turchi non si può fare: partendo dal fatto che non ci si può spalmare con la marna ed arrivando al fatto che non si possono portar via le rocce e, naturalmente, meno che mai entrare con le motociclette. C'è, di fatto - conclude Zicari - una inversione di tendenza. Adesso, contrariamente agli anni passati, c'è il monitoraggio sulla Scala dei Turchi". 

Intanto è partito il servizio civico di sorveglianza. S ono state selezionate dieci unità che copriranno tutto il periodo estivo, cinque sono già in servizio dal primo maggio mentre il secondo turno partirà il quindici luglio.  Gli addetti dovranno prestare attenzione "a che nessuno alteri lo stato dei luoghi, - spiega il Comune con una nota - segnalando prontamente i fatti all'autorità locale di vigilanza ed inoltre si occuperanno di rimuovere eventuali rifiuti abbandonati dai villeggianti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scala dei Turchi, il sindaco Lillo Zicari: "Non c'era nessuna motocicletta"

AgrigentoNotizie è in caricamento