Cronaca

Trasportò 168 migranti dalla Libia a Lampedusa, condannato scafista tunisino

Tre anni di reclusione ad Adnen Ben Mohamed, 35 anni, fermato il 25 ottobre dell'anno scorso, nove giorni dopo lo sbarco

FOTO ARCHIVIO

Tre anni di reclusione per l'accusa di avere trasportato illegalmente in Italia, a Lampedusa, 168 migranti a bordo di un barcone proveniente dalla Libia. Sono stati inflitti dal giudice dell'udienza preliminare del tribunale di Agrigento, Alessandra Vella, nei confronti di Adnen Ben Mohamed, tunisino di 35 anni, fermato il 25 ottobre dell'anno scorso, nove giorni dopo lo sbarco a Lampedusa.

Il trentenne era finito in carcere dopo che la squadra mobile di Ragusa interrogò i migranti, che erano stati trasferiti in un centro di accoglienza ibleo, e dalla loro testimonianze emerse il suo ruolo di scafista dell'imbarcazione. L'imputato, che è stato difeso dall'avvocato Michele Cardella, è stato pure riconosciuto in foto e le accuse sono state confermate in sede di incidente probatorio.

L'imputato, insieme ad altri libici non individuati che non sbarcarono, avrebbe guidato l'imbarcazione, dalla Libia a Lampedusa, minacciando con un coltello gli altri migranti, in modo da tenere il controllo della situazione, nel corso della traversata che sarebbe durata 48 ore. La difesa aveva sostenuto che l'imputato avesse agito in stato di necessità pèrchè minacciato dai trafficanti libici che avevano organizzato il viaggio. Di diverso avviso il pubblico ministero Emiliana Busto che aveva chiesto la condanna a 4 anni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasportò 168 migranti dalla Libia a Lampedusa, condannato scafista tunisino

AgrigentoNotizie è in caricamento