menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Andrea Camilleri

Andrea Camilleri

Andrea Camilleri contro Matteo Salvini: "Migranti? Non ha rispetto, non è un uomo di mare"

Lo scrittore empedoclino attacca il modus operandi dell'attuale ministro dell'Interno: "Lui, che parla di bambini, non prova nulla davanti alle foto dei bambini che navigano cadaveri sul mare? Sono futuri delinquenti ha detto una volta, che Dio o chi ne fa le veci gli perdoni questa parola"

Andrea Camilleri è un fiume in piena. Lo scrittore empedoclino parla a Repubblica Tv. Salvini, il Governo ed i migranti.  “Non mi piace come si sta gestendo questa emergenza. Continuare a giocare sulla paura dell’altro è pericoloso. Mi appello ad un vecchio modo di dire, si sta seminando troppo vento. Chi semina vento finisce con raccogliere tempesta”. Queste le parole di Andrea Camilleri. Lo scrittore ammette: “Molti anni fa l’Ungheria mi mandò una pergamena di ringraziamento, per avere salvato degli ungheresi. Ho la tentazione di rispedirlo a Viktor Orban, dicendo che probabilmente mi sono sbagliato”.

Andrea Camilleri lancia un serio messaggio a Matteo Salvini. “Non è un uomo di terra, non conosce il mare. Ne avrebbe più rispetto se conoscesse il mare di coloro che sono costretti ad imbarcarsi su gommoni destinati a naufragio sicuro. Lui, che parla di bambini, non prova nulla davanti alle foto dei bambini che navigano cadaveri sul mare? Sono futuri delinquenti ha detto una volta, che Dio o chi ne fa le veci gli perdoni questa parola. A 93 anni, ad un passo dalla morte, mi trovo a lasciare ai miei nipoti, un’Italia che non mi aspettavo. I vecchi politici erano veri e autentici. Abbiamo ricostruito l’Italia, ora la stiamo sfasciando. Come italiano, mi sento di avere fallito. E’ finita la pacchia? Si, ricordo quando lo disse Salvini. Se il centro d’accoglienza di Lampedusa, è una pacchia”. Andrea Camilleri rincara la dose, attaccando ancora Salvini sulle parole rivolta a Roberto Saviano. “Ma ci rendiamo conto? Un ministro dell’interno che minaccia uno scrittore. Facciamoci un esame di coscienza. Questo è un atteggiamento mafioso”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento