Il sarcofago "Ippolito e Fedra" ritrova la cattedrale San Gerlando, un'attesa lunga 50 anni

Un vero e proprio ritorno a casa per due dei beni preziosi della storia di Agrigento

Foto di Salvatore Moncada

Pomeriggio speciale sia per i residenti del centro storico, che per tutta quanta la chiesa agrigentina. La cattedrale di San Gerlando ha dovuto attendere 50 anni per rivedere quattro dei più importanti sarcofagi della storia della città. Oggi, sotto lo sguardo attento di diversi fedeli,  "Ippolito e Fedra" ha fatto ritorno a "casa".

Si, perchè, i reperti storici sono stati trasferiti - in sicurezza - nella basilica di Agrigento. I sarcofagi, dopo la frana del 1966, erano stati custoditi sia nella chiesa di San Nicola che al museo regionale "Griffo". 

I reperti, dunque, adesso hanno fatto ingresso nella cattedrale di San Gerlando. Un vero e proprio ritorno a casa per due dei beni preziosi della storia di Agrigento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

  • Scoperto stabilimento dolciario abusivo, sequestrati generi alimentari scaduti e mal conservati: un arresto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento