Niente sanzioni per gli immobili costruiti prima del 1985, il Tar ribadisce il principio

Rigettata la richiesta della Sovrintendenza che ha ritenuto illegittimo il provvedimento

FOTO ARCHIVIO

Nuovo “stop” dal Tar Sicilia di Palermo alla Soprintendenza ai Beni Culturali di Agrigento in relazione alle vicende legate alla sanzione amministrativa per la violazione del vincolo paesaggistico applicata dal dipartimento regionale a molti proprietari di immobili realizzati senza il necessario titolo abilitativo ad Agrigento.

Dopo le numerose sentenze dei giudici amministrativi che hanno ritenuto la illegittimità del provvedimento sanzionatorio di natura pecuniaria per il presunto danno arrecato al paesaggio - il cui pagamento è stato richiesto a seguito della presentazione dell’istanza di sanatoria edilizia su gran parte di immobili realizzati senza titolo alla fine degli anni ‘70, inizi anni ’80 - ora il Tar Sicilia ha accolto le tesi difensive degli avvocati Gaetano e Vincenzo Caponnetto sui nuovi provvedimenti di “rettifica” del nulla-osta in sanatoria emessi dalla Soprintendenza di Agrigento.

"Questi atti, infatti - ricostruiscono i legali -, erano stati emessi al fine di reintrodurre la sanzione paesaggistica, già annullata dai giudici amministrativi che avevano ribadito il principio che il vincolo paesaggistico che ricade su gran parte del territorio agrigentino è stato introdotto solo con la legge Galasso del 1985, sotto un’altra veste, ritenendo che gli immobili sono sanzionabili poiché ricadenti all’interno del perimetro vincolistico".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una tesi che è stata contestata dagli avvocati Gaetano e Vincenzo Caponnetto che, "al di là della effettiva vigenza della norma richiamata, hanno dimostrato che gli immobili non rientrano all’interno di alcun vincolo e per cui nessuna sanzione è dovuta. Le tesi difensive sono state accolte dal Tar che, con sentenza breve, ha annullato i provvedimenti impugnati, stabilendo ancora una volta che nessuna sanzione è dovuta per gli immobili realizzati prima dell’entrata in vigore della legge Galasso del 1985.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: 8 gli agrigentini contagiati

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento