Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

Depuratori malfunzionanti, chiesti oltre 25mila euro al Comune

L'ex provincia notifica a Palazzo dei Giganti le sanzioni connesse ad accertamenti condotti sugli impianti di Sant'Anna e Fontanelle

Chiamato a pagare, in solido, con il gestore privato, oltre 25mila euro per sanzioni connesse al malfunzionamento o all'assenza di certificazioni dei depuratori. Il Comune di Agrigento si costituisce in giudizio per "resistere" a tre maxi cartelle firmate dal settore Ambiente del Libero consorzio che, appunto, chiede al Municipio, insieme al gestore del servizio idrico, di pagare delle multe derivanti da attività di accertamento condotte dall'Arpa negli anni scorsi ai depuratori di Fontanelle e, soprattutto, di Sant'Anna.

Depuratori, che disastro: multe per oltre 30mila euro a carico di Girgenti Acque e di sindaci

Proprio quest'ultimo, il più grande (e nemmeno il messo peggio) degli impianti di depurazione cittadini, è stato oggetto di sanzioni per oltre 20mila euro per mancanza di autorizzazione allo scarico e mancata installazione di alcuni presidi come i misuratori di portata.

Il Municipio sta adesso resistendo alla richiesta di pagamento, ritenendola non dovuta. Ammontano a decine di migliaia di euro le sanzioni emesse dall'ex Provincia nei confronti del gestore, ma anche di alcuni sindaci, in questi anni proprio per le problematiche connesse ai depuratori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Depuratori malfunzionanti, chiesti oltre 25mila euro al Comune

AgrigentoNotizie è in caricamento