La "Sanpellegrino" sborsa i soldi, il Comune sistema la condotta idrica

Grazie ai fondi compensativi vengono realizzati gli interventi di rifacimento dei tratti fatiscenti della rete

I lavori in via Guglielmo Marconi

Niente falle, nessuna perdita idrica e rete comunale che continua ad essere sistemata e rifatta. Ieri, gli operai risultavano essere al lavoro in via Guglielmo Marconi. Santo Stefano Quisquina è un Comune che non ha eguali nell’Agrigentino: grazie ai fondi compensativi ricevuti dal gruppo “Sanpellegrino” continuano ad essere realizzati interventi di rifacimento dei tratti fatiscenti, o comunque dei più vecchi, della rete idrica.

“Sono opere che confermano come la gestione in house del servizio idrico integrato del Comune di Santo Stefano Quisquina sia approntato a criteri di economicità, efficacia ed efficienza” – ha dichiarato ieri il sindaco del piccolo Comune montano: Francesco Cacciatore - . Un anno fa, proprio di questi tempi, risultava essere stata rifatta la rete idrica della parte alta del paese. Sempre con i fondi di compensazione della società per azioni “Sanpellegrino”. E quella era, appunto, la quarta gara d’appalto aggiudicata – sempre per la rete idrica cittadina – dall’ufficio tecnico comunale. L’attuale sindaco, al suo secondo mandato, in circa 4 anni e mezzo è riuscito a far rifare la rete idrica obsoleta, tutelando il prezioso bene dell’acqua. E, adesso, la sua opera continua. Perché laddove serve, grazie a questi fondi di compensazione, si riesce ad intervenire con manutenzione o rifacimento delle condotte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Abbiamo tutti, in pieno accordo, l'interesse ad evitare perdite idriche e dunque dispersione lungo la rete comunale. Nella zona alta del paese, la rete idrica era fatiscente, non c'era più alcuna pressione e c'erano sistematicamente casi di perdite e dispersione del prezioso liquido. Adesso, invece, è tutta un'altra storia. E così, passo, passo, andiamo facendo laddove si crea l’esigenza”. Tutta un’altra storia, rispetto al resto dei Comuni Agrigentini, quella di Santo Stefano Quisquina. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Tragedia a Villaseta: giovane si toglie la vita, avviate le indagini

  • Non si fermano i contagi a Sambuca, altri nove positivi: tra questi anche un impiegato

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: 17 positivi in provincia, ci sono pure 6 alunni e 2 insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento