rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Microcriminalità / Santo Stefano Quisquina

Si intrufolano a scuola e rubano tablet, fallisce però la razzia ai distributori di bevande

I carabinieri hanno avviato le indagini per provare a dare un nome e cognome ai ladri. Non è stato reso noto se a presidio dell’istituto comprensivo vi siano o meno delle telecamere di videosorveglianza

Si intrufolano all’istituto comprensivo “Maestro Lorenzo Panepinto”, in via Libero Attardi, e rubano due tablet. Danneggiano anche un distributore di bevande, ma non riescono a portar via neanche un centesimo di euro. Tutto è accaduto nella notte fra il 30 e il 31 luglio a Santo Stefano Quisquina. A presentarsi alla stazione dei carabinieri, il primo agosto, è stato il dirigente scolastico che ha, naturalmente, formalizzato una denuncia a carico di ignoti. I malviventi sono riusciti ad introdursi nella scuola dopo aver forzato una finestra e una volta dentro, appunto, hanno rovistato ovunque. L’unica cosa di “prezioso” che sono riusciti a trovare sono stati i due tablet che hanno, infatti, arraffato. Hanno tentato di appropriarsi dei soldi che c’erano nel distributore automatico di bevande, ma alla fine non sono riusciti a portar via niente.

I carabinieri della stazione di Santo Stefano Quisquina, coordinati dal comando compagnia di Cammarata, hanno informato la Procura della Repubblica e hanno avviato le indagini per provare a dare un nome e cognome ai ladri. Non è stato reso noto se a presidio dell’istituto comprensivo vi siano o meno delle telecamere di videosorveglianza. Impianti che, naturalmente, non potranno che indirizzare l’attività investigativa. (*CR*)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si intrufolano a scuola e rubano tablet, fallisce però la razzia ai distributori di bevande

AgrigentoNotizie è in caricamento