menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Imu e Tari: sì ai nuovi regolamenti, fondi per scuole e famiglie

Il contributo da 10.000 euro concesso dal gruppo Sanpellegrino servirà ad acquistare presidi sanitari per garantire la sicurezza nella fruizione delle attività pubbliche e scolastiche

Approvati, all’unanimità, i regolamenti per la disciplina dell’imposta municipale propria (Imu) e della tassa dei rifiuti (Tari). Ma soprattutto ratificate tre variazioni al bilancio di previsione 2019/2021 approvate dalla Giunta, inerenti ad interventi per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. Una riguarda l’utilizzo del contributo straordinario di 10.000 euro concesso dal gruppo Sanpellegrino Spa per l’acquisto di presidi sanitari e quant’altro necessario per garantire la sicurezza nella fruizione delle attività pubbliche e scolastiche, un’altra riguarda l’utilizzo di  23.048 euro trasferiti dal distretto socio-sanitario di Bivona per il servizio “borse lavoro” e la terza ratifica concerne l’utilizzo di circa 2.700 euro derivanti dell’indennità di carica del presidente del Consiglio, da aprile a dicembre 2020, e dei gettoni di presenza dei consiglieri. Soldi quest’ultimi che serviranno per azioni di solidarietà alle famiglie più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza Coronavirus. Proficua l’ultima adunanza del consiglio comunale, convocata dal presidente Enzo Greco Lucchina.

In materia di tributi, sono state anche approvate le proposte inerenti alla determinazione delle tariffe per l’applicazione della tassa per l’occupazione degli spazi e delle aree pubbliche (Tosap) e le tariffe dell’imposta comunale sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni, per il 2020. Il Consiglio ha manifestato apprezzamento sul regolamento per la disciplina dell’affidamento degli incarichi legali che è stato approvato all’unanimità. E’ stata infine approvata la proposta di riconoscimento della legittimità di un debito fuori bilancio di 26.978 euro derivante da una sentenza del tribunale di Sciacca su un ricorso avanzato da un dipendente comunale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

8 marzo, Zambuto: "Dedicare vie e piazze a personaggi femminili"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento