Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

E' scomparso da 4 mesi, l'appello del legale: "Aiutateci a rintracciare anche una piccola traccia"

Stando alle ricostruzioni degli stessi familiari, Angelo Gentile - nell'ultima telefonata - era confuso e correva a perdifiato. Ridondante, durante la conversazione di pochi minuti, una parola: sto scappando

Sono trascorsi quasi 4 mesi dalla scomparsa di Angelo Gentile, 48 anni, di Santo Stefano Quisquina. Di lui - nonostante le ricerche e nonostante gli appelli, anche attraverso la trasmissione Rai: "Chi l'ha visto?", lanciati dai genitori, dalla nonna e dagli altri congiunti - non c'è nessuna notizia. Tutto si ferma a Marsala, nel Trapanese, quel 9 gennaio scorso. Allora il fratello - che era andato a prenderlo dalla clinica dove volontariamente si era recato per una settimana - lo ha chiamato al cellulare. E lo ha fatto dopo che nella struttura il quarantottenne non è stato trovato. Stando alle ricostruzioni degli stessi familiari, Angelo Gentile - in quella telefonata - era confuso e correva a perdifiato. Ridondante, durante la conversazione di pochi minuti, una parola: sto scappando.

Quarantottenne scompare da una casa di cura, l'appello del suo legale

Dove è finito Angelo Gentile? E' possibile scomparire così nel nulla senza lasciare tracce? Se lo chiedono i familiari ma anche il legale di fiducia: l'avvocato Salvatore Pennica. "Abbiamo chiesto di poter sequestrare la cartella clinica e di ricostruire le ultime ore di permanenza in clinica" - ha spiegato l'avvocato Pennica - . Il quarantottenne, dopo aver perso il lavoro da giardiniere, era caduto in depressione e alla clinica, per farsi aiutare, si era recato volontariamente.

L'appello del sindaco: "Aiutateci a ritrovare Angelo"

"Angelo è scomparso nel nulla - ha ribadito, nelle ultime ore, l'avvocato Pennica - . Sento il dovere di postare alcune sue immagini - ha spiegato, sui social, il legale - chiedendo di condividerle per rintracciare anche una sua piccola traccia. C'è da aiutare per lenire la sofferenza di una anziana madre disperata". 

Angelo Gentile non si trova, il sindaco Cacciatore: "Aumenta la preoccupazione"

Più persone, quel 9 gennaio scorso, lo hanno visto - sarebbe stato, appunto, in stato confusionale - lungo la statale 115, in un punto di Marsala dove si possono prendere autobus per Agrigento e Trapani. Indossava una coppola, come dimostra l'ultimo selfie che ha postato su Facebook, e delle ciabatte: come raccontano alcune delle persone che lo hanno notato. E dalla sua valigia, recuperata in clinica dal fratello, mancano appunto le ciabatte ma anche il pigiama. 

L'appello dei familiari e dell'avvocato Salvatore Pennica è uno soltanto: "Chiunque abbia visto qualcosa, chiunque sappia qualcosa avvisi le forze dell'ordine". I social - Facebook in maniera particolare - molto spesso ha aiutato, grazie alla condivisione di foto delle persone scomparse, a rintracciare e a ritrovare giovani e meno giovani di cui non si aveva più alcuna notizia.    

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' scomparso da 4 mesi, l'appello del legale: "Aiutateci a rintracciare anche una piccola traccia"

AgrigentoNotizie è in caricamento