rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Tribunale / Santa Margherita di Belice

"Aggredì il sindaco e i carabinieri": condannato a 6 mesi

L'uomo era stato arrestato cinque mesi fa dopo essersi presentato in Comune pretendendo che gli venisse dato un lavoro: la riforma Cartabia gli evita una pena superiore

Il giudice monocratico del tribunale di Sciacca, Dino Toscano, ha disposto la condanna a sei mesi di reclusione nei confronti di Lillo Saladino, 53 anni di Santa Margherita Belice, accusato di aver minacciato i carabinieri della locale stazione. La notizia è riportata oggi sul Giornale di Sicilia.

Il giudice ha, inoltre, disposto il non luogo a procedere per il reato di violenza privata ai danni del sindaco del paese Gaspare Viola. Il primo cittadino, strattonato dall’imputato, non ha sporto denuncia e – alla luce della riforma Cartabia – è venuta meno la condizione di procedibilità. 

L’uomo venne arrestato dai carabinieri cinque mesi fa quando si presentò al comune di Santa Margherita Belice pretendendo un lavoro e, dopo acceso diverbio, avrebbe aggredito un funzionario, il sindaco e gli stessi militari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Aggredì il sindaco e i carabinieri": condannato a 6 mesi

AgrigentoNotizie è in caricamento