rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Canicattì

Medicina generale ad alta intensità di cura, firmato protocollo d’intesa tra l’Asp e l’Ismett

I degenti potranno contare su un costante confronto clinico fra i medici del reparto e quelli dell'istituto nella valutazione delle diverse casistiche

L’Asp di Agrigento e l’Ismett di Palermo inaugurano una nuova collaborazione nel settore della ricerca specialistica e della formazione.

In seguito ad una convenzione, infatti, i due enti sanitari si impegnano per la durata di tre anni ad attuare una sinergia operativa il cui fulcro si impernia attorno alle prestazioni specialistiche erogate dall’unità operativa complessa di medicina generale ad alta intensità di cura del presidio ospedaliero “Barone Lombardo di Canicattì. Grazie al protocollo, i degenti dell’unità potranno innanzi tutto contare su un costante confronto clinico fra i medici del reparto e quelli dell’Ismett nella valutazione delle diverse casistiche.

In più, compatibilmente con le proprie liste d’attesa e la disponibilità di posti letto, l’Istituto valuterà secondo le modalità ritenute più idonee i pazienti riferiti dal reparto dell’ospedale di Canicattì che necessitano di trapianti d’organo, di procedure di radiologia interventistica, di trattamenti chirurgici o endoscopici per patologie oncologiche, epatobiliari o pancreatiche, coronariche, polmonari e vascolari.

Per converso l’uoc di medicina generale ad alta intensità di cura del “Barone Lombardo”, ancora in relazione alla propria disponibilità ricettiva, accetterà, sia in regime ambulatoriale che di ricovero, i pazienti provenienti dall’Ismett che necessitino di proseguire un percorso di cure internistiche ospedaliere per problematiche come complicanze infettive post trapianto, insufficienze d’organo, scompensi glicemici o altro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Medicina generale ad alta intensità di cura, firmato protocollo d’intesa tra l’Asp e l’Ismett

AgrigentoNotizie è in caricamento