Archeologia, ritrovata un’ancora litica nelle acque di San Leone

Il gruppo subacqueo BCsicilia ha avvisato la Soprintendenza del Mare per le opportune verifiche e decidere se recuperare o lasciare dove si trova il reperto

L’ancora litica nelle acque di San Leone ad Agrigento

E' stata ritrovata - dai volontari del gruppo subacqueo di BCsicilia - un'ancora litica nelle acque di San Leone. Si tratta di un reperto di particolare interesse archeologico: è un’ancora litica di forma ovoidale con un foro distale, di dimensioni di 55x70 centimetri, risalente probabilmente al VI secolo avanti Cristo. 

La scoperta si deve ad un componente del gruppo subacqueo di BCsicilia, Francesco Urso, ed è avvenuta durante una escursione subacquea. Il reperto è stato documentato e ne è stata rilevata la posizione, ma lasciato nella sua  sede originaria. E' stata immediatamente avvertita la Soprintendenza del Mare per le opportune verifiche e decidere se recuperare o lasciare dove si trova il reperto.

BCsicilia metterà a disposizione dell’amministrazione, se richiesto, i propri subacquei sia per l'individuazione del reperto sia per l’eventuale recupero.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento