Cronaca

Incendiato ombrellone di commerciante, avvertimento o raid vandalico?

L'attrezzatura era sul tetto del furgone non marciante che veniva utilizzato dal proprietario, un sessantenne, come “deposito” merce

E’ stato un avvertimento? O un raid vandalico? Sarebbero questi gli interrogativi che, nelle ultime ore, si stanno ponendo i carabinieri della compagnia di Cammarata. Militari dell’Arma che stanno provando a far chiarezza su quanto è avvenuto in corso Francesco Crispi, a San Giovanni Gemini, durante la notte. E’ stato incendiato l’ombrellone di tela che era collocato sul tetto di un furgone Ford Transit di proprietà di un commerciante. Le fiamme sono state circoscritte e spente dai vigili del fuoco del distaccamento di Mussomeli. Sul posto, appunto, una volta scattato l’allarme, anche i carabinieri.

Pare che il furgone non fosse marciante, ma che venisse utilizzato dal proprietario, un commerciante sessantenne, come “deposito”. All’interno del mezzo pare, infatti, che vi fosse la merce che normalmente l’esercente pone in vendita. La merce non ha, però, per fortuna, subito danni, mentre sono stati rilevati dei danni al tetto del mezzo: laddove, appunto, era appoggiato l’ombrellone di tela andato a fuoco.

I carabinieri hanno sentito il proprietario del furgone, ma anche dei residenti della zona. Nessun dubbio sul fatto che quelle fiamme sono state di natura dolosa. C’è da capire però se sono state appositamente appiccate o se magari possono essere partite anche in maniera accidentale: dopo che qualcuno potrebbe aver fatto cadere una sigaretta o un fiammifero. Spetterà all’attività investigativa dei carabinieri – che hanno già informato la Procura della Repubblica di Agrigento – mettere dei punti fermi e fare chiarezza sull’accaduto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendiato ombrellone di commerciante, avvertimento o raid vandalico?

AgrigentoNotizie è in caricamento