rotate-mobile
Il primo giorno di festa / Centro città

San Calogero, tutti sulla scalinata e nel sagrato, le forze dell’ordine intervengono e i fedeli protestano: “Noi non ci spostiamo”

Momenti di tensione poco prima dell’uscita del simulacro. In ritardo l’avvio della processione. Anche il rettore del santuario fuori dalla chiesa per invitare la gente a rispettare le disposizioni della Questura: fischi e urla di disapprovazione. Alla fine gli spazi sono stati liberati grazie a un cordone umano della polizia

Momenti di tensione poco prima dell’inizio della processione del simulacro di San Calogero. La gente, nonostante le precise disposizioni della Questura che impongono di mantenersi al di fuori della scalinata e del sagrato, si è posizionata negli spazi non consentiti, esattamente come avveniva negli anni precedenti.

Immediato l’intervento delle forze dell’ordine per effettuare lo sgombero ma i fedeli hanno cominciato a protestare con fischi ed urla di disapprovazione: “Noi da qui non ce ne andiamo”, hanno detto in molti.

“E chiamamu a cu n'aiuta”: la città saluta San Calogero tra gli applausi e con qualche strappo alla regola

Il rettore del santuario, don Gerlando Montana Lampo, è uscito dalla chiesa invitando il pubblico a rispettare le disposizioni di sicurezza: "Non possiamo uscire se prima non vi allontanate". Anche lui è stato inizialmente sommerso dai fischi. Poi ha tentato di riportare la calma invitando i presenti ad allontanarsi dopo l'uscita del simulacro dalla chiesa. In sostanza i fedeli hanno dovuto "accontentarsi" di rimanere sulla scalinata solo per vedere la statua varcare la soglia della chiesa per poi lasciare lo spazio libero immediatamente dopo. Comunicazione che è stata accolta con un applauso. La polizia ha formato un cordone umano per impedire ulteriori "invasioni" degli spazi in cui non era consentito rimanere. Poco prima che il simulacro guadagnasse la scalinata, un neonato è stato spogliato e posizionato sulla sommità della statua per il tradizionale "affidamento" al Santo.

Neonato sulla statua di San Calogero

La processione, a causa delle proteste, è cominciata in ritardo. Il simulacro di San Calogero è uscito dalla chiesa alle 12:23 (momento previsto a mezzogiorno in punto).

San Calogero, la città dei templi vive la prima domenica di festa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Calogero, tutti sulla scalinata e nel sagrato, le forze dell’ordine intervengono e i fedeli protestano: “Noi non ci spostiamo”

AgrigentoNotizie è in caricamento