menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto archivio

Foto archivio

"Distrae l'edicolante e ruba i soldi dalla cassa", la querela non è della titolare: prosciolto

Sentenza di non doversi procedere per un 59enne accusato di furto con destrezza

"Non doversi procedere per mancanza delle condizioni di procedibilità": a presentare la querela, dopo avere subito un furto all'interno dell'edicola mini-market di San Biagio Platani, non era stata la titolare dell'attività - l'unica legittimata a farlo - ma il fratello che la gestiva di fatto. Un cavillo tecnico che ha reso non punibile l'imputato trattandosi di un reato perseguibile solo su querela della "persone offesa".

Ne esce, così, indenne per effetto della sentenza emessa dal giudice monocratico del tribunale di Agrigento Wilma Angela Mazzara, il cinquantanovenne Lorenzo Schifano, originario di Favara ma residente ad Agrigento, finito sotto processo per il reato di furto aggravato. L’imputato era stato citato a giudizio dal sostituto procuratore Gloria Andreoli in seguito al furto di 100 euro avvenuto all'interno del negozio il 13 aprile del 2018.

Schifano, difeso dall'avvocato Daniele Re, avrebbe chiesto al dipendente dell’attività una rivista che si trovava alle spalle dell'edicolante che si era, quindi, girato per cercarla. Approfittando del momento di distrazione, avrebbe afferrato una mazzetta di dieci banconote di 10 euro portandole via. Il titolare, dopo che se ne accorse, lo denunciò e per l'imputato è scattata l'accusa di furto con l'aggravante della "destrezza".

È stata proprio l'esclusione di questa circostanza da parte del giudice a fare scattare il proscioglimento in quanto il furto semplice non è perseguibile senza una regolare querela. Lo stesso pubblico ministero Salvatore Caradonna, a conclusione della requisitoria, aveva chiesto al giudice di escludere l’aggravante “dell’avere commesso il fatto con destrezza e approfittando della distrazione del dipendente” e pronunciare, quindi, una sentenza di non doversi procedere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento