Emergenza Covid a Sambuca, il sindaco: "Evacuare gli ultimi 10 anziani rimasti"

Leo Ciaccio: "In questo modo anche gli assistenti si potranno curare e si potrà sanificare per intero la struttura. Pretendiamo che le strutture pubbliche, ovunque esse siano, si prendano cura e assistano anche i nostri malati"

Uno degli ingressi di Sambuca tenuto sotto controllo dai carabinieri

Evacuare la casa di riposo focolaio di Covid-19 a Sambuca di Sicilia. Il sindaco Leo Ciaccio è tornato a chiedere l'immediata evacuazione dei 10 anziani ancora ricoverati nella struttura. E lo ha fatto durante il comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica svoltosi, ieri, in Prefettura ad Agrigento. "Hanno iniziato a svuotare la casa di riposo. Undici anziani sono stati portati via durante la notte, altri 8 durante la giornata - ha spiegato Ciaccio - . Ci sono ancora 10 ricoverati, ho chiesto che vengano spostati laddove possano ricevere cure da persone che stanno bene. Gli operatori della struttura hanno sintomi e non si possono occupare degli anziani. Ci hanno rassicurato - ha aggiunto il sindaco di Sambuca - che gli anziani saranno ricoverati in altre Rsa, in ospedali o in un albergo che ha spazi per persone infette da Covid. In questo modo anche gli assistenti si potranno curare e si potrà sanificare per intero la struttura. Mettendola in sicurezza e curando operatori e assistenti, anche gli anziano, fra qualche settimana, potranno tornare ad essere ospitati". Ciaccio, in merito ai ricoveri nei vari ospedali, quello di Agrigento compreso, ha lanciato una stoccata: "Gli ospedali non possono essere riservati per nessuno, chi ha un posto per malati di Covid deve poterlo garantire agli ammalati. Pretendiamo che le strutture pubbliche, ovunque esse siano, si prendano cura e assistano anche i nostri malati". 

Coronavirus, 22 positivi fra Sambuca, Santa Margherita, Sciacca, Favara, Montallegro e Campobello e Licata

Il presidente della Regione, Nello Musumeci, e il cardinale di Agrigento, Francesco Montenegro, hanno chiamato il sindaco di Sambuca per esprimere vicinanza. "Don Franco, il nostro cardinale, ha mandato una preghiera per la nostra comunità e ci ha riconosciuto forza e tenacia. E' un periodo difficile a livello sanitario e complicato a livello burocratico, ma vedo la luce in fondo al tunnel". 

Durante il comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, il sindaco ha chiesto indicazioni su come comportarsi su alcuni punti dell'ordinanza. Gli insegnanti e gli operatori scolastici si occupano di servizi essenziali? Questo è stato uno degli interrogativi rivolti al prefetto. Perché se si occupano - e la risposta è stata affermativa - potranno uscire da Sambuca per andare al lavoro. "Abbiamo ampliato l'orario di apertura dei negozi - ha, poi, annunciato il primo cittadino - per permettere ai cittadini di recarsi in orari diversi ed evitare file e assembramenti perché nei negozi si entra uno per volta. Abbiamo inoltre ampliato l'orario di apertura, che era fino alle ore 18, per chi si occupa di cibo da asporto. Abbiamo permesso ai ristoratori di restare aperti senza limitazioni. Se si collabora e se l'Asp riuscirà a fare tutte le operazioni necessarie per l'individuazione dei contagiati e le procedure per i guariti, la zona rossa potrà essere anche ridotta nel tempo. E' solo una ipotesi certo, ma se si collabora possiamo farcela". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento