Quarantenne con gravi malattie immunitarie salvato dai medici di nefrologia: "Dedizione fuori dal comune, vi sono grato"

La tempestività nella diagnosi e la somministrazione della terapia altamente specialistica hanno consentito solo di evitare il peggio

Il primario Antonio Granata

E’ una sentita lettera d’elogio quella che un quarantenne agrigentino, ha voluto destinare al personale del reparto di nefrologia del presidio ospedaliero “San Giovanni di Dio” di Agrigento al termine di un lungo ed impegnativo percorso di cura che gli ha permesso di fronteggiare con successo due patologie sistemiche rare ed estremamente gravi. "La professionalità e la dedizione dello staff sanitario - secondo quanto riferito dal paziente - sono state encomiabili generando un profondo senso di gratitudine che l’uomo, non senza un’evidente commozione, ha voluto destinare ai medici e agli infermieri diretti dal primario Antonio Granata".

"Si tratta di gravi malattie del sistema immunitario - spiega l'ufficio stampa dell'Asp con una nota - associate molto spesso a complicanze fatali, secondarie a trombosi e/o emorragie dei piccoli vasi sanguigni di tutto il corpo con il conseguente danneggiamento di organi vitali come il cuore, il cervello e, soprattutto, i reni. La tempestività nella diagnosi e la somministrazione della terapia altamente specialistica hanno consentito non solo di scongiurare rischi per la vita del quarantenne ma di migliorare significativamente la qualità della sua esistenza “fuoriuscendo” dal trattamento dialitico". 

“Ricevere un attestato di stima e gratitudine da parte di un paziente - commenta Granata - suscita una profonda emozione e fa sempre estremo piacere. Oltre a confermare la qualità dell’impegno che quotidianamente si svolge in reparto, fortifica l’impegno di tutto lo staff medico ed infermieristico non solo, sotto il profilo spiccatamente sanitario, per continuare a trattare con dovizia casi delicati come quello che si è presentato ma anche nel tentativo di umanizzare i percorsi di cura fortificando sempre più il legame con le persone”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, traffico di droga e politica: scatta l'operazione "Oro bianco": 12 arresti, ecco i nomi

  • Il Coronavirus fa paura: Licata +26 contagiati, altri 30 positivi a Ravanusa, 10 a Favara, 9 a Montevago e 7 a Sambuca

  • Fiumi di droga, estorsioni, minacce e il "braccetto" con la politica: ecco i dettagli dell'operazione "Oro bianco"

  • Scontro fra due auto nella zona industriale, muore impiegata 62enne

  • Rimorchio si sgancia da tir e travolge auto: due feriti, uno in gravi condizioni

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore (+79 in provincia): la Sicilia presto sarà "zona rossa"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento