menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abusivismo, ruspe in azione a Palma di Montechiaro

Hanno lavorato nel quartiere del Villaggio Giordano, radendo al suolo uno stabile di proprietà dell'Istituto autonomo case popolari. Domattina verrà demolito l'ultimo abuso in programma per questa prima fase, un edificio su terreno di proprietà comunale

Sono state avviate stamani a Palma di Montechiaro le demolizioni degli immobili abusivi. Una ruspa, scortata dalle forze dell’ordine, ha lavorato nel quartiere del Villaggio Giordano e ha raso al suolo uno stabile di proprietà dell'Istituto autonomo case popolari.

Ma le demolizioni continueranno nei prossimi giorni. Sono circa 900, infatti, le case abusive passate al Comune di Palma di Montechiaro. La giunta comunale, a fine ottobre scorso, aveva stabilito che sarebbe stata data priorità agli immobili costruiti vicino al mare o in fondi di proprietà dello Iacp. Per eseguire le prime demolizioni il Comune ha stanziato 23.833,50 euro e firmato con la Procura della Repubblica di Agrigento un protocollo di intesa: la prima fascia di demolizioni dovrà concretizzarsi "in zone a inedificabilità assoluta, poi sarà la volta delle opere realizzate in zone ad inedificabilità relativa e, infine, tutte le altre opere abusive, a partire da realizzazioni ex novo in centri abitati, rispetto a quelle in zone periferiche e rispetto agli ampliamenti di preesistenti edifici, con precedenza ai manufatti più consistenti". 

La ruspa intervenuta stamani a Palma di Montechiaro ha demolito la chiusura di un porticato di una casa popolare. Dopo aver forzato il cancello e svuotato l'interno dalle suppellettili accumulate (all'interno del porticato c'era anche un camion), gli operai hanno iniziato la demolizione. 

Per domani erano previste due demolizioni: una analoga chiusura di porticato e un piccolo manufatto su terreno di proprietà comunale. I due proprietari hanno però già provveduto autonomamente a radere al suolo le opere abusive. Domattina verrà, dunque, demolito l'ultimo abuso in programma per questa prima fase, ovvero un altro manufatto edificato su terreno di proprietà comunale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento