rotate-mobile
Microcriminalità / Canicattì

Rubati in contemporanea due scooter posteggiati nella stessa piazza, le indagini: identica la "mano"

A rivolgersi ai carabinieri, denunciando il furto aggravato, sono stati i proprietari dei ciclomotori: un impiegato quarantaseienne e un agente di commercio cinquantottenne

Due ciclomotori, Aprilia Scarabeo 50, sono stati rubati la stessa notte, e allo stesso orario, da piazza Dante dove erano stati lasciati parcheggiati. Nessun dubbio, non in questo caso, che la “mano” sia sempre la stessa.

A rivolgersi ai carabinieri, denunciando il furto aggravato che avevano subito, sono stati i proprietari dei ciclomotori: un impiegato quarantaseienne e un agente di commercio cinquantottenne. Nessuno dei due scooter era assicurato per il furto. I militari dell’Arma della compagnia cittadina hanno subito avviato le indagini, con l’obiettivo di raccogliere indizi o tracce per identificare chi, nella stessa identica notte - fra le ore 22 e l’una e trenta – ha fatto sparire nel nulla i ciclomotori Aprilia Scarabeo. Non ci sono conferme istituzionali al riguardo, anzi il riserbo investigativo è assai fitto, ma non è escluso che i carabinieri di Canicattì possano già aver acquisito dei filmati tratti da impianti di videosorveglianza pubblici o privati. Video che, naturalmente, potrebbero tornare utili all’inchiesta per identificare la banda – almeno due le persone che dovrebbero essere entrate in azione – che hanno arraffato, nel giro di pochissimo tempo, i due ciclomotori della stessa marca e modello. E’ da tempo ormai, a Canicattì, che continuano a registrarsi furti di auto, scooter e perfino furgoni. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubati in contemporanea due scooter posteggiati nella stessa piazza, le indagini: identica la "mano"

AgrigentoNotizie è in caricamento