rotate-mobile
Criminalità / Canicattì

Due auto rubate e ritrovate e altrettante misteriosamente scomparse

Nella vettura recuperata a Naro sarebbero stati trovati alcuni capi d’abbigliamento che, non riconosciuti dalla proprietaria della macchina, sono stati sequestrati

Due autovetture rubate e ritrovate e altrettante invece misteriosamente scomparse. Canicattì si conferma essere – a livello provinciale - la “patria” dei furti utilitarie: Fiat Cinquecento e Fiat Punto soprattutto. Ma anche nella città dei Templi, seppur non con la stessa frequenza e sistematicità, ogni tanto, qualche macchina viene fatta sparire.

In ordine di tempo, l’ultimo furto – di una Fiat Punto, di colore bianco, - è stato messo a segno in via Fratelli Rosselli a Canicattì. L’utilitaria era stata lasciata parcheggiata, dal proprietario: un bracciante agricolo sessantasettenne, nel pomeriggio e al momento di riprenderla, l’indomani mattina, non c’era più. L’uomo non ha potuto far altro, fra incredulità e rabbia, che formalizzare denuncia ai carabinieri. Il danno che gli è stato provocato è stato quantificato in circa 2mila euro, non coperto da assicurazione. I militari dell’Arma hanno naturalmente avviato le ricerche dell’utilitaria, ma anche le indagini per provare ad identificare chi l’ha portata via. Da via Mascagni è invece scomparsa una Fiat Cinquecento di proprietà di una sessantenne canicattinese. Anche in questo precedente caso, la vettura era stata lasciata parcheggiata, sul ciglio della strada, la sera precedente e l’indomani non c’era più. La denuncia è stata formalizzata ai poliziotti del commissariato cittadino.

Sono state invece ritrovate le due Fiat Cinquecento scomparse, rispettivamente, in via Cesare Battisti a Canicattì e in via Rotabile Agrigento a Naro. Nel primo caso, l’utilitaria è stata ritrovata, e subito riconsegnata al sessantenne proprietario, dalla polizia: una pattuglia transitando lungo via Romagnosi, all’intersezione con via Beccaria, ha visto la Fiat Cinquecento in sosta in mezzo alla carreggiata. Evidentemente era stata abbandonata. L’altra Cinquecento, di proprietà di una narese quarantatreenne, è stata invece ritrovata dai carabinieri. E’ stato accertato che la vettura aveva il nottolino d’accensione danneggiato e dal vano motore i malviventi avevano portato via la centralina. In questo caso sarebbero stati anche trovati alcuni capi d’abbigliamento che, non riconosciuti dalla proprietaria della macchina, sono stati sequestrati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due auto rubate e ritrovate e altrettante misteriosamente scomparse

AgrigentoNotizie è in caricamento