rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
L'intervento

Manomettono i sigilli e rubano l'acqua, 5 denunciati: scovato anche chi viveva nell'alloggio senza alcun titolo

Ad effettuare il controllo sono stati, nei giorni scorsi, i carabinieri del nucleo Operativo e Radiomobile che sono coordinati dal comando compagnia dell'Arma della città dei Templi. Accanto a loro, anche i militari della stazione cittadina e gli operai dell'Aica

Hanno manomesso i sigilli dei contatori idrici e si approvvigionavano, in danno dell'azienda idrica dei Comuni Agrigentini, di acqua potabile. Cinque le persone – fra cui due donne – che sono state denunciate alla Procura per l'ipotesi di reato di furto aggravato. Per uno, un trentasettenne, è scattata anche la denuncia per invasione di terreni ed edifici: ha occupato – stando all'accusa – un alloggio popolare. E lo ha fatto, appunto, senza alcun titolo. Ad effettuare il controllo sono stati, nei giorni scorsi, i carabinieri del nucleo Operativo e Radiomobile che sono coordinati dal comando compagnia dell'Arma della città dei Templi. Accanto a loro, anche i militari della stazione cittadina e gli operai dell'Aica.

A finire nei guai sono stati agrigentini che hanno 37, 42, 49, 40 e 52 anni. Il controllo dei carabinieri è stato fatto in un complesso di case popolari del quartiere Bonamorone. Appare scontato che tecnici e funzionari dell'Aica potessero avere dei sospetti su approvvigionamenti idrici anomali. Ed ecco, dunque, che è stato messo a segno il controllo mirato assieme ai militari dell'Arma che, di fatto, in pochissimi minuti, hanno accertato il furto aggravato di acqua e perfino un'occupazione abusiva di alloggio popolare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manomettono i sigilli e rubano l'acqua, 5 denunciati: scovato anche chi viveva nell'alloggio senza alcun titolo

AgrigentoNotizie è in caricamento