rotate-mobile
L'intervento / Canicattì

Ruba vino e minaccia di morte il direttore del supermercato: bloccato dalla polizia

L'uomo si sarebbe presentato spesso nell'esercizio commerciale chiedendo con insistenza soldi ai clienti, ma anche agli impiegati, per acquistare alcolici, disturbando tutti

"Ti ammazzo, ti sparo in testa, ti metto il coltello dentro la gola”. E’ così che si sarebbe sentito rispondere il direttore di un supermercato di Canicattì che ha inseguito, all’esterno dell’esercizio commerciale, un canicattinese che si era rifiutato di pagare la bottiglia di vino che aveva preso dallo scaffale. Ad allertare il direttore è stato il cassiere che, naturalmente, ha provato ad impedire l’uscita dell’uomo dal supermercato. Il canicattinese è stato, però, subito, raggiunto dal responsabile del punto vendita, che fa parte di una catena commerciale, che oltre a sentirsi minacciare di morte, è stato anche spintonato e fatto bersaglio di tentati schiaffi. Il direttore, a questo punto, ha afferrato il suo telefono cellulare ed ha composto il numero unico d’emergenza: il 112. In quell’esatto frangente, il canicattinese – stando alla denuncia formalizzata – sarebbe rientrato all’interno del supermercato e avrebbe afferrato una seconda bottiglia di vino. Quando i poliziotti della sezione Volanti del commissariato di Canicattì sono giunti davanti al supermarket, l’uomo si era, intanto, allontanato. Ma ha fatto ritorno poco dopo e incurante del fatto che vi fossero i polizotti ha tentato nuovamente di entrare nell’esercizio commerciale per prendere ancora un’altra bottiglia di vino. Gli agenti lo hanno, naturalmente, calmato e bloccato. Si tratta, del resto, stando a quanto è emerso, di una persona che è spesso ubriaca.

Il direttore del supermercato ha formalizzato denuncia a carico del canicattinese per le minacce di morte ricevute. Non essendo rimasto ferito, per sua fortuna, non ha fatto ricorso ai medici del pronto soccorso. Agli agenti del commissariato, il direttore dell’esercizio commerciale ha riferito che il canicattinese si presenta spesso nelle immediate vicinanze del supermercato o all’interno, chiedendo con insistenza soldi ai clienti, ma anche agli impiegati, per acquistare del vino e, di fatto, dunque disturbando tutti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba vino e minaccia di morte il direttore del supermercato: bloccato dalla polizia

AgrigentoNotizie è in caricamento