Rocco Forte cittadino agrigentino, la proposta arriva al consiglio comunale

La motivazione: "Con la sua lucida visione ha contribuito a favorire lo sviluppo economico e l’incremento turistico della nostra provincia"

Ser Rocco Forte

Cittadinanza onoraria a Ser Rocco Forte, l’amministrazione comunale ci riprova. Dopo aver dovuto rinunciare alla possibilità di "agrigentinizzare" l'imprenditore nei mesi scorsi (perché era necessario un passaggio in consiglio comunale nonostante il voto già favorevole della giunta) adesso il percorso burocratico sembra tutto regolare e si potrà arrivare all'eventuale approvazione della proposta.

Procedura non corretta, rinviata la cittadinanza onoraria a Rocco Forte

La motivazione della proposta di cittadinanza, inviata ai consiglieri comunali nelle scorse settimane, è lunga e articolata, con una parte “riassuntiva” finale. A Rocco Forte va riconosciuta la cittadinanza agrigentina (dopo quella saccense) perché “con la propria attività e lungimirante impegno, con la sua lucida visionarietà, ha contribuito a favorire lo sviluppo economico e l’incremento turistico della nostra provincia, promuovendo una nuova immagine del territorio, richiamando negli anni personalità internazionali del mondo sportivo, culturale e della finanza”.

Potrebbe interessarti

  • L'arnica, un rimedio naturale a dolori e infiammazioni

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Specchio, specchio delle mie brame

  • Il party perfetto di Ferragosto

I più letti della settimana

  • Scooterone finisce dentro un canale di scolo: muore trentenne a causa di un incidente

  • Mafia e massoneria deviata, scatta un altro arresto e un obbligo di presentazione alla Pg

  • Si sente male mentre fa il bagno, tragedia in spiaggia: muore un pensionato

  • Ritrovato nascosto in un casolare il trattore rubato: scattano tre arresti

  • Auto investe un ciclomotore e scappa: due 17enni feriti, denunciato automobilista "pirata"

  • Incidente tra auto e scooter, ferito grave il motociclista: trasferito in elisoccorso

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento