Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fucile d'assalto ritrovato anche grazie ai cittadini, Minardi: "Capiremo chi ha utilizzato l'arma"

Le indagini saranno estese anche all'estero per verificare se il Kalashnikov  è nella disponibilità di fuoco dei gruppi armati, anche sull'asse Favara, Porto Empedocle, Liegi si contendono la piazza dello spaccio di stupefacenti

 

“Chi avrebbe avuto la necessità di utilizzare questa arma in maniera immediata, non l’avrebbe occultata in una zona così impervia e sperduta”. Queste, dai microfoni di AgrigentoNotizie, sono state le parole del vice questore aggiunto Giovanni Minardi, dirigente capo della squadra mobile di Agrigento a margine della conferenza sul ritrovamento nelle campagne tra Favara e Castrofilippo, di un micidiale Kalashnikov Ak-47.

Ritrovato un kalashinkov con caricatore: era occultato sottoterra
Ritrovato un kalashinkov con caricatore: era occultato sottoterra
Ritrovato un kalashinkov con caricatore: era occultato sottoterra

 

Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/ritrovato-un-kalashinkov-con-caricatore-era-occultato-sottoterra.htmlDopo la scoperta del fucile d’assalto, la parola adesso passa agli esperti per stabilire se l’arma sia stata utilizzata in recenti episodi criminali, come ad esempio, l’aggauto commesso il 23 maggio del 207 in via Torino a Favara dove  il commando di fuoco utilizzò proprio delle armi da guerra.  

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento