rotate-mobile
Cronaca

La scomparsa di Rita Borsellino, il ricordo dell’associazione Belushi

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

“C’è una parte della società che ha fatto della legalità una convenienza e io con questa antimafia delle apparenze non voglio avere nulla a che fare" In questa pagina vogliamo ricordare Rita Borsellino. E vogliamo ricordare Rita, riferendoci a ciò che per molti di noi, di noi dell’ARCI, ha significato un’esperienza politica e associativa condivisa; riferendoci, pure, alla speranza che, per un breve periodo della storia della Sicilia, ha rappresentato quella esperienza. Una speranza non solo Rita e la sua figura ma il fatto che con lei e con le tante Associazioni (in primo luogo l’ARCI Sicilia con Alfio Foti Presidente) si cominciasse a parlare di esperienze dal basso proponendo un modello virtuoso di interazione fra politica e società civile. Un modello fortemente fondato sulla progettazione democratica e partecipata e sulla questione morale, avente come punto centrale la legalità democratica e il disprezzo delle logiche mafiose. Un modello che, tra i primi, parlava di diritti e solidarietà, di inclusione dei soggetti più deboli e dei migranti; di pace, di organizzazioni umanitarie, di tutela del territorio; un modello basato sul volontariato e sulla valorizzazione dell’impegno civico; un modello basato sulla contaminazione delle culture. Un modello chiaramente collocato a sinistra pur in una logica di confronto con tutte le forze politiche e sociali democratiche. Riteniamo che il nostro dolore sia condiviso da tantissima gente di buona volontà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La scomparsa di Rita Borsellino, il ricordo dell’associazione Belushi

AgrigentoNotizie è in caricamento