menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

San Leone ostaggio delle risse, Fipe Confcommercio: "Troppo alcol in circolazione"

La sigla che rappresenta ristoratori e bar prende posizione: "Servono più controlli ma anche maggior responsabilità da parte degli operatori"

La movida a San Leone continua ad essere senza controllo. Nella frazione balneare, infatti, si è registrata ancora una maxi rissa che ha coinvolto due gruppi di persone verosimilmente in stato di profonda alterazione alcolica. Luogo del "duello" il piazzale dell'ex eliporto.

Tutto sarebbe avvenuto intorno alle 2.30, con pugni, calci e forse l'uso di bottiglie in vetro (di cui in realtà sarebbe proibita la vendita). Alcuni presenti hanno chiamato le forze dell'ordine ma, al loro arrivo, i partecipanti alla rissa hanno fatto rapidamente perdere le proprie tracce. Si tratta dell'ennesimo episodio di questo tipo registrato a San Leone in orario notturno.

Scazzottata all'eliporto, due giovani finiscono in ospedale: denunciati

"Quelli che pensavamo fossero episodi isolati sono ormai diventati una consuetudine e non possiamo permettere che a San Leone si verifichino ancora fatti così gravi di risse e scontri - dice in una nota il presidente della Fipe Confcommercio Gabriella Cucchiara -. Innanzitutto in un periodo come questo dove ancora sono vietati gli assembramenti ci chiediamo come mai avvengano cose di questo genere. È giusto che i nostri ragazzi possano divertirsi e godere appieno della ritrovata libertà ma questo va fatto nel rispetto delle regole"

La Fipe ha chiesto un incontro con il prefetto di Agrigento per "discutere delle misure da adottare per arginare questo fenomeno". "Abbiamo bisogno di sicurezza - conclude - e quindi di maggior controllo del territorio. Per quanto ci riguarda stiamo portando avanti una campagna che riguarda il bere consapevole per combattere la cosiddetta mala movida. Ma per arrivare ad un risultato concreto è necessario lavorare in sinergia con le forze dell'ordine. È fondamentale - conclude - contrastare la vendita abusiva di alcool e sensibilizzare gli operatori del settore sull'importanza di garantire e assicurare un consumo corretto delle bevande alcoliche".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento