menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidente di Girgenti Acque, Marco Campione

Il presidente di Girgenti Acque, Marco Campione

Risoluzione del contratto con Girgenti Acque? Campione: "Pronti a cedere le quote"

Il presidente: "Se abbiamo commesso degli errori o delle inadempienze perché non mi sono state contestate dall'Ambito o dall'assemblea prima di oggi?" 

"Ci sono società non italiane interessate ad entrare nel settore della fornitura del servizio idrico. Non appena si concretizzeranno alcune possibilità che, attualmente, sono in cantiere cederemo le nostre quote". Lo ha detto, secondo quanto riporta oggi il quotidiano La Sicilia, il presidente di Girgenti Acque Marco Campione che è intervenuto dopo l'avvio da parte dell'Ati della procedura di valutazione di eventuali inadempienze da parte del gestore idrico. Procedura che, secondo le intenzioni dell'Ati, dovrebbe portare alla risoluzione del contratto. 

Contestazioni delle inadempienze a Girgenti Acque, l'Ati si affida a un legale 

"Ci notificheranno questo, dicono loro, lungo elenco di inadempienze e valuteremo - spiega il presidente Campione - . Ad oggi non esiste un'attività che ci è stata segnalata e che non abbiamo realizzato. La domanda è: se abbiamo commesso degli errori o delle inadempienze perché non mi sono state contestate dall'Ambito o dall'assemblea prima di oggi?". 

LA VIDEO INTERVISTA. Lotà: "Via al percorso per la risoluzione, già individuate le inadempienze"

E se passasse la risoluzione? "Ci difenderemo nelle sedi opportune, ma va precisato che non solo Girgenti Acque rimarrebbe il gestore nella fase di transizione ma la convenzione non prevede la possibiità che si passi alla gestione pubblica - spiega, sempre secondo quanto riporta il quotidiano La Sicilia, il presidente della Girgenti Acque Marco Campione, - . Bisognerà comunque affidare il servizio a privati tramite bando e la società, se ci saranno le condizioni, parteciperà alla gara. Bisogna dire, inoltre, che abbiamo speso delle somme che ci devono essere rimborsate. Per fare un esempio: abbiamo speso 14 milioni di euro per progetto dei contatori. Devono essere rimborsati subito, indipendentemente dalle questioni della rete idrica". 

IL VIDEO. Atto di diffida contro il gestore idrico, l'Ati si affida ad un legale: ecco il momento del voto  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento