rotate-mobile
Cronaca

Le riprese della fiction “Màkari” in città, Miccichè: "Il successo di un impegno condiviso"

Per il sindaco e per gli assessori Picarella e Ciulla si tratta di un primo forte segnale del processo, avviato da qualche tempo, che intende rilanciare la promozione turistica e culturale del territorio attraverso la valorizzazione delle sue bellezza grazie al mezzo televisivo

Un obiettivo preciso e un risultato voluto a tutti costi che si è finalmente concretizzato: Agrigento sarà una delle location protagonista della seconda stagione della serie televisiva “Màkari” della Rai, tratta dai racconti di Gaetano Savatteri.

Le riprese si sono svolte tra il centro e la Valle dei Templi ed il sindaco Franco Miccichè non nasconde tutta la sua soddisfazione: “Le riprese rappresentano un successo per la città di Agrigento: sono il primo forte segnale di un processo, avviato da qualche tempo, che intende assolvere ad una funzione centrale nella promozione turistica e culturale del nostro territorio. Abbiamo molto insistito affinché il centro storico fosse debitamente valorizzato e sono pienamente convinto che ne potremo cogliere presto gli effetti benefici anche per la nostra economia”. 

Con il sindaco c’erano anche gli assessori al turismo Francesco Picarella e alla cultura Costantino Ciulla.

“Màkari”, una produzione della Palomar per Rai 1, la scorsa stagione ha registrato un autentico record di telespettatori.

La scelta di Agrigento per il set è frutto di un’intesa tra il Comune la DMO – Distretto turistico Valle dei Templi attraverso la propria Film Commission. Lo scopo è stato assicurare che le singolari imprese di Saverio Lamanna, interpretato dall'attore Claudio Gioè, potessero essere finalmente ambientate nella loro cornice più autentica: Agrigento con le sue bellezze ed i suoi monumenti.

“Le riprese di Màkari ad Agrigento – ha detto l’assessore al turismo Francesco Picarella - confermano l’enorme valore di un investimento che è stato garantito dai fondi provenienti dalla tassa di soggiorno che ha finalmente la sua destinazione più adeguata e coerente. Inoltre, non vanno trascurati i benefici economici indiretti, determinati dalla presenza della troupe in questo periodo dell’anno in città”.

Anche l’assessore alla cultura Costantino Ciulla ha seguito tutto il lavoro della troupe: “Non vi è dubbio – ha detto – che la Palomar abbia operato in modo impeccabile: sono state messe in risalto le bellezze del nostro territorio e in particolare del centro storico. Questo, fin dall’inizio, era il nostro intento e la casa di produzione sta rispettando il raggiungimento degli obiettivi di promozione del territorio”.

“Le riprese di "Màkari" ad Agrigento confermano l’enorme valore di un investimento nella Film Commission – ha aggiunto Fabrizio La Gaipa, amministratore del Distretto turistico - perché riusciremo a promuovere l’immagine dell’area distrettuale verso un pubblico molto vasto e superando anche i confini nazionali. È un investimento di promozione, che ha pure il fine di favorire l’occupazione con il coinvolgimento delle professionalità e maestranze locali. Per questa ragione abbiamo deciso di investire ancora di più sulla Film Commission nominando un responsabile di esperienza, il regista Marco Gallo, con il quale stiamo lavorando ad un video di promozione per il mercato asiatico”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le riprese della fiction “Màkari” in città, Miccichè: "Il successo di un impegno condiviso"

AgrigentoNotizie è in caricamento