Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Porto Empedocle

Porto Empedocle, l'incubo è finito: gli operai riprendono a lavorare

La quadra è stata trovata ieri sera in Prefettura su proposta della Cisl: il Comune si impegna a versare subito 170mila euro in acconto

Porto Empedocle, l'astensione dei netturbini è finita. Da stamattina alle otto e mezza gli operatori ecologici sono infatti tornati a raccogliere i rifiuti di cui la città è invasa. Decisivo è stato l'incontro di ieri sera in Prefettura 

voluto dal segretario provinciale della Cisl, Maurizio Saia, al termine del quale si è appunto trovato un accordo: il Comune verserà subito 170mila euro (tutto quello che ha attualmente in cassa) nelle more di ricevere i tanto attesi trasferimenti da parte delo Stato e della Regione. Questo consentirebbe alle aziende di pagare almeno gli interessi suimancati pagamenti ed erogare una mensilità e la 13esima ai lavoratori che potranno così tirare un po' di respiro dopo mesi e mesi di difficoltà economiche.

Fa un passo indietro anche la ditta sostitutiva, la città è sola e in emergenza

Tutto risolto? In realtà l'emergenza è stata fatta rientrare, ma rimangono i problemi strutturali del bilancio dell'Ente, che è perennemente in sofferenza e che oggi registra esposizioni debitorie verso i dipendenti (4 mesi) e verosimilmente anche nei confronti dei fornitori. Per questo, pare, il prefetto Dario Caputo avrebbe sollecitato il Municipio ad agire per aumentare ad esempio il livello di riscossione della Tari.

Costi e gestione del servizio rifiuti, il sindaco: "Un avvocato tutelerà la città"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto Empedocle, l'incubo è finito: gli operai riprendono a lavorare

AgrigentoNotizie è in caricamento