Rinnova il dominio del sito internet del B&B e le spariscono 1.300 euro: frodata

Oltre alla sessantacinquenne, un uomo ha denunciato un ammanco di 800 euro dalla sua carta di credito: se ne è accorto mentre si accingeva a pagare la bolletta Enel

(foto ARCHIVIO)

Il rinnovo del dominio per un sito internet costato carissimo: ben 1.249 euro e un misterioso addebito su carta di credito, scoperto nel momento in cui l’agrigentino stava per procedere al pagamento della bolletta dell’Enel, per 800 euro. Sono queste le due nuove frodi informatiche che sono state denunciate ieri alla polizia di Stato. A raccogliere gli sfoghi delle vittime – formalizzando delle denunce a carico di ignoti – sono stati i poliziotti della sezione Volanti della Questura.

Un quarantottenne ha raccontato ai poliziotti d’avere scoperto che sulla carta di credito – sulla quale riceveva anche lo stipendio mensile - mancavano ben 800 euro nell’esatto momento in cui si stava accingendo a pagare la bolletta dell’Enel. Non è chiaro chi e come abbiano potuto fare. Appare scontato, visto che il prelievo è stato fatto in uno sportello bancario, che qualcuno sia riuscito ad appropriarsi dei suoi codici e che verosimilmente abbia clonato la carta di credito personale.

Ancora più sconvolgente invece quanto accaduto ad una sessantacinquenne agrigentina. La donna, proprietaria di un B&B, stava procedendo a rinnovare il dominio del sito internet della sua attività ricettiva. Pare che abbia ricevuto una mail e poi, appunto, sono scomparsi dalla sua carta prepagata – anche questa utilizzata per lavoro – ben 1.249 euro. Inutile, letteralmente, ogni tentativo di provare a capire – per l’agrigentina – cosa fosse accaduto. Unica e sola la certezza: dalla sua PostaPay evolution era sparito un bel gruzzoletto di soldi.

I poliziotti dell’ufficio Denunce della Questura hanno raccolto le segnalazioni dei due agrigentini frodati e, nelle prossime ore, manderanno gli incartamenti all’ufficio della polizia Postale di Palermo. Anche in questo caso, così come è già accaduto per tutti gli altri, verranno avviate le indagini per provare a dare un nome e cognome agli autori delle frodi informatiche. Malviventi che, in questi ultimi due episodi, hanno colpito in maniera decisamente pesante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Covid-19, il virus torna a tenere sotto scacco Canicattì: un morto e 35 nuovi positivi

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

  • Scoperto stabilimento dolciario abusivo, sequestrati generi alimentari scaduti e mal conservati: un arresto

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: boom di contagiati (+110) e 9 vittime in 48 ore

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento