menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gli operatori ecologici davanti alla Prefettura di Agrigento

Gli operatori ecologici davanti alla Prefettura di Agrigento

Rifiuti: da domani partono le denunce, lunedì commissari in tutti i 19 comuni

L'accordo non si trova. Al momento l'unica soluzione è un acconto di 4 mila euro direttamente ai lavoratori, saltando le imprese. Domani dovrà riprendere il servizio di raccolta rifiuti, pena la denuncia e il via al piano B

E' ancora in corso il vertice alla Prefettura di Agrigento con i sindacati, il raggruppamento delle imprese, l'Ato Gesa, e Maurizio Norrito, commissario straordinario del dipartimento regionale dell'ambiente. Scontenta tutti, ma al momento l'unica soluzione è un acconto di quattromila euro direttamente agli operatori ecologici saltando le imprese. Da domani, se il servizio di raccolta rifiuti non riprenderà, verranno denunciati i lavoratori e le imprese e l'ingegnere Norrito, sostituendosi in via straordinaria alla Gesa, bandirà una gara d'appalto per individuare un'azienda che prenderà in gestione il servizio rifiuti per un mese, a spese della Regione.

Lunedì mattina è atteso inoltre l'arrivo dei commissari straordinari in tutti i 19 comuni della provincia, compreso il Comune di Agrigento. I commissari, nel giro di pochi giorni, dovranno intervenire cercando di recuperare le somme che i Comuni devono alla Gesa e che permetteranno di pagare le regresse degli operatori ecologici.

Intanto i lavoratori dicono di non accontentarsi di soluzioni parziali e che lo sciopero non finisce qui. "Cercheremo di dialogare con loro, per cercare di evitare la denuncia penale, ma se i lavoratori non ci stanno i sindacati non firmeranno nessun verbale", dice Roberto Miraglia della Ugl.
"A pagare sono i lavoratori e le imprese", dichiara il legale delle aziende private Giuseppe Scozzari, il quale, con tono sconfortante, afferma che le imprese escono da questa situazione "massacrate" ed esposte a una scopertura bancaria.
"Questa somma per molti di noi non copre nemmeno il 50 percento degli arretrati, non abbiamo perso 10 giorni di retribuzione senza risolvere il problema", dice un operaio . I lavoratori restano compatti su questa linea. La situazione è tesa e difficile. Le parti non hanno ancora ufficializzato la soluzione di pagamento immediato per i lavoratori, tanto che l'incontro proseguirà domattina.

(dbr)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento