Pugno duro contro chi inquina, avviati controlli incrociati sui mastelli

Recuperate circa 20 tonnellate di rifiuti, posizionate nuove telecamere e messa in opera un'attività di riscontro rispetto a chi ha non ha mai ritirato i contenitori

Nuove telecamere posizionate in luoghi "caldi" della città e, soprattutto, un'attività di verifica a monte per riscontrare chi non ha mai ritirato i mastelli e verosimilmente mai fatta la raccolta differenziata.

A Porto Empedocle si passa al "pugno duro" contro i cittadini indisciplinati, nel tentativo di frenare il diffondersi in città di discariche abusive. L'annuncio arriva al termine delle attività di bonifica condotte ieri mattina su tutto il territorio comunale, che hanno consentito di rimuovere più di una ventina di tonnellate di materiali, tra cui molti ingombranti (che è possibile smaltire gratuitamente). Ripulito tutto, però, è arrivato il momento di tentare di impedire che le discariche si riformino.

"Quello che lanciamo ai cittadini è un vero e proprio appello - spiega l'assessore all'Ecologia Giuseppe Sicilia - affinché rispettino la città e facciano sì che le attività di bonifica possano durare nel tempo. Contestualmente sono state piazzate numerose nuove telecamere nascoste che consentiranno di elevare altre sanzioni, come si è già fatto. Invitiamo inoltre i cittadini a ritirare presso la Realmarina i mastelli per poter svolgere la raccolta differenziata in tempi celeri. Questo perché gli uffici sono al lavoro per lo svolgimento di un'attività di verifica a monte che confronterà i residenti con i mastelli distribuiti. Anche in questo caso coloro che saranno sorpresi senza i dovuti contenitori saranno sanzionati con durezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • Torna a casa e trova un ladro che sta rubando in camera da letto: arrestato un 42enne

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Mancata convalida dell'arresto di Carola Rackete, la Cassazione respinge il ricorso della Procura

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento