menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti: arrivano i primi assegni agli operatori ecologici, dubbi sulla fine dello sciopero

E' il primo di quattro assegni da mille euro ciascuno. Ma ancora molti operai sono decisi a portare fino in fondo la protesta

“Si spera che da domani si ritorni alla normalità”, afferma frettolosamente il liquidatore dell’Ato Gesa Ag 2, Teresa Restivo, mentre si trova con i lavoratori che in queste ore stanno ricevendo i primi pagamenti. Si tratta del primo di quattro assegni da mille euro: un acconto che per molti rappresenta solo la metà delle mensilità accumulate da maggio ad oggi (incluse quattordicesima e rimborsi del 730).  

La soluzione di pagare un acconto agli operai direttamente, senza dunque saldare le imprese, è andata in porto e un milione e 500mila euro, provenienti dalle casse dell’Ato Gesa, andranno al più presto ai lavoratori. Parallelamente si sta però consumando un dibattito interno al movimento degli operai, i quali dovranno decidere se terminare lo sciopero e accogliere l’acconto tornando a lavoro da domani, o se proseguire la protesta fino a quando “non si risolve completamente il problema”, cioè fino a quando non verranno liquidati tutti gli arretrati. Il rischio che correrebbero è quello di una denuncia. "Non ci interessa delle denunce, qua c'è in gioco la vita e la dignità del nostro lavoro", afferma qualcuno deciso a portare avanti  la protesta.
 
(dbr)
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento