rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Ospedale

Tragedia al "San Giovanni di Dio": 45enne muore dopo appendicectomia, aperta un'inchiesta

I familiari della donna, sotto choc e preda della rabbia, hanno presentato una denuncia alla polizia. La Procura dovrà adesso appurare cosa sia effettivamente accaduto, cosa abbia determinato la morte dell'agrigentina e se vi sono o meno responsabilità mediche

Muore dopo un intervento chirurgico effettuato all’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento. I familiari, sotto choc e preda della rabbia, presentano una denuncia alla polizia. La Procura della Repubblica apre un’inchiesta per appurare cosa sia effettivamente accaduto, cosa abbia determinato la morte della quarantacinquenne agrigentina e se vi sono o meno responsabilità mediche.

La quarantacinquenne era stata ricoverata, ed a quanto pare era stata già sottoposta ad una prima operazione, per appendicite. Dopo l’appendicectomia, il quadro clinico della donna non soltanto non è migliorato, ma – stando a quanto trapelato ieri – si sarebbe reso necessario un nuovo, ed ulteriore, intervento chirurgico. Cosa che è stata fatta, ma nella giornata di mercoledì – sempre al nosocomio di contrada Consolida – si è consumata la tragedia. Il cuore della quarantacinquenne agrigentina ha smesso di battere. I familiari si sono presentati dalla polizia e hanno formalizzato la denuncia per un caso di malasanità. Un presunto caso naturalmente. Perché ad accertarlo adesso dovrà essere l’attività investigativa e tutti gli accertamenti autoptici che la Procura della Repubblica – che ha aperto un fascicolo d’inchiesta – predisporrà.

Il riserbo investigativo, ieri, risultava essere categorico da ogni “fronte”. Appare scontato – si tratta di procedura investigativa del resto -, che dovrebbe essere stata già acquisita, o comunque dovrebbe essere una questione di ore, la cartella clinica dell’agrigentina quarantacinquenne. Cartella clinica che finirà sul tavolo del sostituto procuratore di turno che disporrà – anche questa è procedura – l’esame autoptico, un accertamento indispensabile per mettere dei punti fermi sulle cause del decesso della donna e su quello che potrebbe averlo determinato. Non è escluso che, nelle prossime ore, dei sanitari possano anche essere iscritti nel registro degli indagati e questo anche a loro tutela, ossia per poter partecipare attraverso consulenti di parte all’irripetibile esame autoptico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia al "San Giovanni di Dio": 45enne muore dopo appendicectomia, aperta un'inchiesta

AgrigentoNotizie è in caricamento