Migrante sbarcato dalla Sea Watch risulta positivo al Covid-19: ricoverato a Malattie infettive

L'equipaggio della nave della ong tedesca ha ricevuto, ma non riuscivano a spiegarsi il perché, "una mail da parte dell'Usmaf (Ufficio di sanità marittima, aerea e di frontiera) con l'obbligo di effettuare la quarantena". S'attende l'esito del tampone per un secondo extracomunitario

La Sea Watch al momento dell'arrivo a Porto Empedocle

Inizialmente era stato qualificato come "sospetto caso di tubercolosi". Poi, nelle ultime ore, è arrivato l'esito - positivo - del tampone rino-faringeo Covid-19. Un immigrato sbarcato a Porto Empedocle dalla "Sea Watch" è stato ricoverato a Malattie infettive dell'ospedale "Sant'Elia" di Caltanissetta dove è giunto alle ore 2 circa della notte fra domenica e lunedì.

Il nuovo ricovero a Malattie infettive è emerso dal quotidiano bollettino serale del direttore generale dell'Asp di Caltanissetta: Alessandro Caltagirone. 

A quanto pare - stando a quanto s'apprende - anche un secondo immigrato, che era imbarcato sulla "Sea Watch", oggi è stato trasferito all'ospedale di Caltanissetta. Ma per lui si è ancora in attesa dell'esito del test per stabilire se abbia o meno il Coronavirus. In mattinata, inoltre, sono stati fatti i tamponi a tutti i migranti della Sea Watch. E anche per loro si è in attesa dell'esito

Quarantena a largo di Porto Empedocle per la Sea Watch: è polemica

Oggi, il portavoce della Sea Watch, Giorgia Linardi, aveva reso noto: "Abbiamo ricevuto una mail da parte dell'Usmaf (Ufficio di sanità marittima, aerea e di frontiera) che ci comunicava l'obbligo di effettuare la quarantena. Siamo rimasti un pò stupiti, anche per una differenza di trattamento con altri casi. In questo momento l'equipaggio è isolato e attendiamo che la situazione si sblocchi".

Trasferiti sulla nave-quarantena "Moby Zazà" - che è in rada a Porto Empedocle - i 211 migranti salvati in acque internazionali dalla "Sea Watch", l'equipaggio della nave della Ong tedesca, 20 persone complessivamente, è stato sottoposto ad isolamento. Una scelta che, in primissima battuta, era apparsa, a tutti, decisamente strana. "Sono stati adottati tutti i protocolli di sicurezza nelle operazioni di salvataggio - aveva aggiunto Linardi - ed è per questo che non comprendiamo le ragioni del provvedimento che, peraltro, è pervenuto solo via email. Attraverso il nostro legale Leonardo Marino stiamo cercando di avviare dei contatti con le autorità sanitarie per sbloccare la situazione, magari all'esito dei test sanitari". 

Il trattamento riservato all'equipaggio di Sea Watch è risultato essere diverso da quello di cui ha goduto Mediterranea, la cui mare Jonio aveva fatto sbarcare 67 migranti negli stessi giorni delle operazioni della nave tedesca. L'equipaggio di Mare Jonio, infatti, non ha effettuato la quarantena ed è stato ricevuto dopo lo sbarco dal sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna. 

Ora, con la notizia del migrante - sbarcato dalla Sea Watch - ricoverato a Malattie infettive dell'ospedale "Sant'Elia" di Caltanissetta, si comprende anche il perché della sorveglianza sanitaria, in via precauzionale, dell'equipaggio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ricerca: "Chi ha questo gruppo sanguigno è più protetto dal Covid"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento