menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giuseppe Arnone

Giuseppe Arnone

"Pericoloso per la tranquillità pubblica", chiesta misura di prevenzione per Arnone

Nel documento viene raccontato come negli ultimi anni gli uffici della Questura abbiano posto l'attenzione su quella che è apparsa come una vera e propria escalation di reati commessi dall'Arnone, che avrebbero messo talvolta in pericolo anche l'ordine e la sicurezza pubblica e che, quindi, meritano di essere frenati

Il questore di Agrigento, Mario Finocchiaro, ha chiesto l'applicazione della misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza nei confronti dell'avvocato agrigentino Giuseppe Arnone. Nella proposta, indirizzata alla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Agrigento, il questore ha evidenziato come la condotta dell'Arnone abbia portato alla decisione di chiedere la misura, al fine di "porre un freno ai comportamenti in grado di mettere in pericolo l'ordine e la sicurezza pubblica e che ledono gli interessi comuni della pacifica convivenza".

Nel documento viene raccontato come negli ultimi anni gli uffici della Questura abbiano posto l'attenzione su quella che è apparsa come una vera e propria escalation di presunti reati commessi dall'Arnone, che avrebbero messo talvolta "in pericolo anche l'ordine e la sicurezza pubblica e che, quindi, meritano di essere frenati". A beneficio della tesi, sono stati riportati tutti i trascorsi dell'avvocato agrigentino, tra cui le cinque condanne definitive, i 41 procedimenti in corso a carico dell’Arnone di competenza della Procura di Agrigento, i due procedimenti aperti dalla Procura di Palermo e i cinque procedimenti della Procura di Caltanissetta. Ed ancora: le 33 iscrizioni nel registro degli indagati da parte della Procura di Agrigento e le tre iscrizioni da parte della Procura di Palermo, nonché l'avviso orale già emesso dal questore di Agrigento e tutti gli eventi che sono stati registrati dalla data della notifica dell'avviso orale in poi.

Nell'ambito della lunga e dettagliata argomentazione, redatta dalla Divisione di polizia anticrimine della Questura di Agrigento, il questore Finocchiaro ha spiegato come il soggetto Arnone sia "dedito alla commissione di reati che mettono in pericolo la sicurezza e la tranquillità pubblica".

Arnone, figura storica dell’ambientalismo in Sicilia, è noto per aver – negli ultimi anni – attaccato i magistrati della Procura di Agrigento, schierandosi addirittura dalla parte dei proprietari delle case abusive prossime alle demolizioni. Un'inversione di tendenza che ha fatto molto discutere, ma che Arnone ha portato avanti senza remore. E tra le intrusioni nelle feste di piazza con striscioni e megafono al seguito e i manifesti contro giornalisti, magistrati e poliziotti, Giuseppe Arnone ha portato avanti la sua battaglia contro una non meglio specificata condotta illecita del procuratore capo di Agrigento, Renato Di Natale, e dell'aggiunto Ignazio Fonzo, che – di fatto – hanno rispolverato il caso delle costruzioni abusive e mai demolite dopo decenni di silenzi.

L'udienza avanti il Tribunale di Agrigento è stata fissata per il prossimo 5 ottobre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento