rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Reati sul web / Canicattì

Sms con richiesta di addebiti fino a 400 euro: denunciate nuove frodi online

Le vittime non hanno potuto far altro che bloccare, e immediatamente, la carta di credito e rivolgersi al commissariato di polizia dove hanno disconosciuto i pagamenti richiesti

Prima una richiesta di autorizzazione al pagamento di 201,24 euro e poi, pochi minuti dopo, di 200,70 euro in favore di un famoso sito internet di compravendita. Accade anche che, all’improvviso, sul telefono cellulare – alle 6,56 – arrivino richieste simili. Una “botta” per il proprietario della carta di credito Visa che, di fatto, non riusciva a credere ai propri occhi e che, subito, ha chiamato il numero di assistenza clienti per disconoscere quei pagamenti. Ma è durante la conversazione con l’operatore dell’assistenza che il canicattinese cinquantunenne ha scoperto di altri addebiti per operazioni – per compravendite su internet – che non aveva assolutamente fatto. L’uomo non ha potuto far altro che bloccare, e immediatamente, la carta di credito e rivolgersi al commissariato di polizia di Canicattì dove ha disconosciuto i pagamenti richiesti e dove ha formalizzato una denuncia, a carico di ignoti, per frode online. Ma quello del cinquantunenne non è stato l’unico caso perché allo stesso commissariato si è presentata anche una ventenne, sempre di Canicattì, che sulla sua PostePay evolution ha scoperto diversi addebiti per operazioni e movimenti – sempre per acquisti online – non autorizzate. Operazioni, in questo caso, avvenute fra l’otto e il 13 marzo scorso, scoperte controllando la app installata sul suo smartphone. Continuano a ripetersi, nell’Agrigentino, le truffe o i tentativi di raggiri messi in atto su internet, avvalendosi di famosi siti di compravendita.

I poliziotti del commissariato di Canicattì, in entrambi i casi, hanno raccolto le denunce a carico di ignoti e hanno avviato le indagini per provare ad identificare gli autori dei tentativi di raggiro. Non è escluso, anzi ieri appariva altamente probabile, che i poliziotti trasmetteranno entrambe le denunce agli specialisti della polizia Postale. Agenti che, purtroppo, sono ormai abituati ad avere a che fare con questo tipo di reati che, di fatto, dominano il web e che continuano a fare sempre più vittime. L’obiettivo è naturalmente riuscire ad identificare i balordi che, dietro il paravento del web, riescono a mettere a segno raggiri, addebiti non dovuti e dunque truffe. Ad incapparvi non ci sono cittadini predeterminati, ma chiunque abbia una carta di credito o una PostaPay. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sms con richiesta di addebiti fino a 400 euro: denunciate nuove frodi online

AgrigentoNotizie è in caricamento