rotate-mobile
Tribunale / Canicattì

Ricettazione di uno smartphone: assolto 39enne

L'uomo era stato denunciato dopo che il figlio era stato notato in un parco pubblico con il telefono rubato alcuni giorni prima a una donna. Il giudice: "Indagini carenti, nessun elemento per condannarlo"

Assoluzione per non avere commesso il fatto: il giudice Andrea Terranova scagiona il 39enne Vasile Macomei, 39 anni, originario della Romania e residente a Canicattì, finito sotto processo con l'accusa di ricettazione.

La vicenda risale al giugno del 2018. Una donna denuncia il furto di uno smartphone e dopo alcuni giorni chiama la polizia per avvisare che un ragazzino, all'interno di un parco del paese, aveva in mano il suo cellulare appena rubato.

Un agente interviene sul posto, ferma il ragazzo e, in effetti, da alcuni accertamenti risulta che il codice Imei, che identifica il prodotto, è lo stesso. La polizia denuncia, quindi, l'imputato che, nell'immediatezza racconta di avere acquistato il telefono da un connazionale per 100 euro. te

Il giudice, tuttavia, lo ha assolto anche perché, come sottolineato pure dal difensore, l'avvocato Pasquale Tarallo, non c'erano elementi per desumere che fosse stato lui ad acquistarlo visto che le sue dichiarazioni, verbalizzate senza un difensore, non erano utilizzabili. Le indagini, inoltre, sono state definite "carenti".

Il pubblico ministero Margherita Licata, al contrario, aveva chiesto la condanna a 3 mesi di reclusione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricettazione di uno smartphone: assolto 39enne

AgrigentoNotizie è in caricamento