rotate-mobile
Cronaca

"Ricettazione di rame rubato alle Ferrovie", condannato titolare autodemolizioni

Un anno e quattro mesi di reclusione sono stati inflitti a Salvatore Pedalino, ex proprietario dell'attività: altri due assolti

Ricettazione di mezza tonnellata di rame di proprietà della rete ferroviaria. Il giudice Rosanna Croce ha condannato a un anno e quattro mesi di reclusione l'imprenditore Salvatore Pedalino, 52 anni, in passato coinvolto con accuse di droga nell'operazione antimafia San Calogero dalla quale, però, è stato assolto. 

Pedalino, titolare dell'impresa Autodemolizioni, nel 2007, fu denunciato dopo un controllo della polizia ferroviaria che trovò nell'officina della sua attività, nella zona industriale, 500 chili di rame che risultò rubato alla rete ferroviaria.

Le indagini hanno fatto emergere il presunto coinvolgimento di altre due persone - Salvatore Agrò e Gero Massimino, entrambi di 31 anni - alle quali si contestava di avere trasportato il rame rubato nell'officina.

Il pm Alfonsa Fiore aveva chiesto la condanna per tutti a un anno e otto mesi di reclusione ciascuno. I difensori (Pedalino e Agrò erano assistiti dall'avvocato Olindo Di Francesco, Massimino da Luigi Troja) avevano, invece, insistito per l'assoluzione sostenendo che non era stata raggiunta la prova della provenienza furtiva del rame. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ricettazione di rame rubato alle Ferrovie", condannato titolare autodemolizioni

AgrigentoNotizie è in caricamento