"Estorsione al Verdura resort", Procura generale impugna l'assoluzione

Un imprenditore locale era accusato di aver minacciato personale del complesso alberghiero e aver compiuto dei propri e veri atti di sabotaggio sui mezzi della società

Il Verdura Resort

E' stata impugnata dalla Procura generale l'assoluzione di Ignazio Tavormina, 52 anni, imprenditore riberse, che era accusato di estorsione e di tentata estorsione ai danni del Verdura Golf Resort di Sciacca.  La notizia è riportata sul Giornale di Sicilia in edicola oggi. L'uomo era stato assolto nei mesi scorsi perché il fatto non sussiste.

L'uomo era accusato di aver minacciato personale del complesso alberghiero e aver compiuto dei propri e veri atti di sabotaggio sui mezzi della società compiuti dal 2009 al 2016 ma che, appunto, il tribunale ha ritenuto non siano stati compiuti.

Adesso la richiesta della Procura apre le porte al processo di appello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

  • La tempesta tiene in ostaggio la provincia, è allerta "arancione": ecco dove resteranno chiuse le scuole

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento