"Tentato omicidio e tentata rapina": 26enne riberese a giudizio

Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Sciacca, Alberto Davico, ha accolto la richiesta dei sostituti procuratori Michele Marrone e Christian Del Turco ed ha fissato l'inizio del processo per il 16 settembre

(foto ARCHIVIO)

La Procura della Repubblica di Sciacca ha chiesto ed ottenuto il giudizio immediato - per tentato omicidio e tentata rapina - a carico di Sandro Andreatto, 26 anni, di Ribera. Lo riporta oggi il Giornale di Sicilia. Il primo fatto contestato è del 2 gennaio scorso quando avrebbe colpito un giovane con uno strumento da punta e da taglio alla gola. Tutto pare che sia avvenuto per futili motivi. Il secondo fatto è del 5 febbraio quando, con il volto coperto e pistola in pugno (poi risultata essere a salve) avrebbe tentato una rapina in una tabaccheria. La rapina è andata a vuoto per l'intervento del titolare che lo ha messo in fuga. 

Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Sciacca, Alberto Davico, ha accolto la richiesta dei sostituti procuratori Michele Marrone e Christian Del Turco ed ha fissato l'inizio del processo per il 16 settembre prossimo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento